Uomo sbranato da un branco di cani: li aveva accuditi per due anni

Un branco di cani randagi ha aggredito in Russia un uomo che si è presentato davanti a loro senza cibo. Sbranato dai 12 cani, l'uomo è morto dopo due minuti

Un incidente terribile quello accaduto a un uomo di Sovetsky, nella regione centrale di Khanty-Mansi in Russia, che è stato aggredito e sbranato da un branco di cani randagi.

L'uomo era una guardia di sicurezza e negli ultimi due anni aveva regolarmente alimentato quei cani. Ma quando è passato davanti a loro senza cibo è stato immediatamente aggredito.

Nel video caricato su LiveLeak, l'uomo è scivolato sulla strada mentre aveva una bottiglia di birra in mano e mentre era circondato da 12 cani. Dopo una breve lotta con i randagi è riuscito però a liberarsi ma, scivolato di nuovo a terra, è stato assalito per la terza volta dal branco che non gli ha lasciato scampo (guarda il video).

Dopo due minuti l'uomo è morto mentre la polizia ha avviato un'indagine. Non è ancora chiaro che verranno presi provvedimenti nei confronti del branco.

Commenti
Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 19/06/2017 - 11:55

Intanto non si capisce una cosa: chi riprendeva la scena non è intervenuto per aiutare quel tizio? Perché le immagini tremolanti e che poi diventano all’improvviso ravvicinate fanno capire che c’era qualcuno che stava riprendendo. O è tutta una messinscena? Comunque, nel caso sia tutto vero, vengono confermate anche in questa isolata vicenda due leggi di natura che solitamente gli umani tendono a disattendere. In conclusione: proprio tenendo presente quelle due leggi di natura, non bisogna provare stucchevole pietà. Perché quell’uomo ha fatto la fine che implicitamente meritava.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 19/06/2017 - 12:26

non erano cani di grossissima taglia , perche non si è difeso scagliando calci quandi i cani era un paia che lo aggredivano ? perche non è salito su un albero o su altro ?

manfredog

Lun, 19/06/2017 - 13:00

..questa 'storia' è molto significativa per rappresentare la situazione contemporanea; appena il 'benefattore' non ha portato per una volta da mangiare agli esseri randagi che vagabondavano in gruppo senza fare niente, è stato sbranato. Sono troppo cattivo nel pensare ciò..!?..o troppo realista..!! mg.

ziobeppe1951

Lun, 19/06/2017 - 13:40

manfredog...13.00... lo stesso mio pensiero

manfredog

Lun, 19/06/2017 - 14:03

Ossequi, ziobeppe, come sempre. Manfredo G.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 19/06/2017 - 14:12

fake news

cicocichetti

Lun, 19/06/2017 - 14:28

gli animali sono meglio delle persone. chiedono solo una ciotola di cibo, un posto al caldo e qualche coccola...

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 19/06/2017 - 15:48

mi ricorda tanto l'accoglienza che continuano a fare gli sgovernanti italici

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Lun, 19/06/2017 - 16:19

Forse anche i cani volevano farsi un goccetto, visto che l'uomo sprizzava vodka da tutti i pori. Ma siamo sicuri che è morto per i morsi dei cani e non per una crisi alcolica acuta?

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 19/06/2017 - 17:21

ubriaco marcio che fatica a stare in piedi

paolobc

Mar, 20/06/2017 - 08:44

Due anni fa in Puglia proprio in questi giorni ci trovavamo in spiaggia verso le 20, eravamo rimasti solo noi quando un branco di randagi si è avvicinato minacciosamente, fortunatamente l'auto era vicina e grazie al bastone dell'ombrellone col quale ne ho colpiti un paio siamo riusciti a metterci in salvo ma la paura è stata tanto particolarmente i miei figli erano stravolti, un altro l'ho travolto con l'auto perché continuavano ad assaltarci anche quando eravamo già all'interno. Da allora non restiamo più in spiaggia fino a tardi anche se per noi quelle sono le ore più belle e parcheggiamo praticamente in spiaggia

ciruzzu

Mar, 20/06/2017 - 09:05

Dimostrazione che la bonta' funziona solo se soddisfi prima i bisogni e poi in moltissimi casi le sopravvenute abitudini di quelli che sfami o aiuti,se non capiscono che non gli è dovuto , ma gli è dato facendo sacrifici in nome di una umanita' che certi cani e non cani non conosceranno mai