Usò fondi del gruppo per un'assicurazione privata, Gasparri assolto dall'accusa di peculato

L'accusa era di essersi appropriato illecitamente di 600 mila euro destinati al gruppo Pdl per l'acquisto di una polizza assicurativa

Assoluzione per il senatore Maurizio Gasparri, a processo con l'accusa di peculato. Secondo l'accusa si sarebbe appropriato di 600mila euro del gruppo Pdl al Senato per l'acquisto di una polizza assicurativa a lui intestata. Ma per i giudici della decima sezione penale del tribunale di Roma il fatto non sussiste. La Procura aveva chiesto la condanna a due anni e 8 mesi di reclusione, sostenendo che quei fondi pubblici erano destinati al funzionamento del gruppo ma erano stati utilizzati pe fini privati.

"Il processo ha avuto la sua naturale conclusione - osserva l’avvocato del senatore, Giuseppe Valentino - l’insussistenza del fatto era nelle cose e il dibattimento ha consentito una verifica puntuale e ineludibile. La decisione del tribunale è stata consequenziale".

Il senatore, ascoltato dai magistrati in aula nel corso della precedente udienza, si era difeso spiegando tra l’altro che "con il direttore della banca" con la quale aveva investito il denaro "non si è mai parlato di polizza vita ma di un investimento come prodotto finanziario", nell’esclusivo interesse del gruppo parlamentare. Gasparri aveva prelevato la somma nel marzo 2012, acquistando una polizza vita a suo nome e indicando come beneficiari, in caso di morte, i suoi eredi legittimi. Dopo pochi mesi, nel febbraio del 2013 aveva riscattato la polizza, a quel punto del valore di 610.000 euro circa. E dopo richiesta della direzione amministrativa del Pdl aveva restituito i 600.000 euro nelle casse del partito, tenendo per sé i diecimila euro di differenza. Ma secondo i magistrati che avevano indagato, rinviandolo a giudizio, il peculato è un "reato istantaneo" che scatta nello stesso momento in cui c'è l'appropriazione del denaro.

Presente oggi in udienza, Gasparri ha lasciato il palazzo di giustizia precisando: "Avrei molte cose da dire, ma non lo farò ora".

Commenti

vince50_19

Mer, 06/04/2016 - 14:11

Quasi quasi a me scatterebbe immediatamente altro da dire. Ma non posso scriverlo..

timba

Mer, 06/04/2016 - 14:18

Caro Gasparri. Se ho ben capito, hai preso 600.000 euro del partito per fare un investimento finanziario tuo personale. Poi li hai restituiti e ti sei tenuto gli interessi. Se è così, formalmente "il fatto non sussiste", ma, anche se hai restituito (e ci mancherebbe), eticamente fa schifo. Usa i tuoi di soldi per fare degli investimenti finanziari. Oppure ridai al partito tutto, incluso gli interessi. Domanda. E se l'investimento si fosse concluso con una perdita? Siamo sicuri che la differenza l'avresti messa tu?

peter46

Mer, 06/04/2016 - 14:32

Ecco il perchè nell'altro articolo il problema è 'trasferire' il ruby 'infinito' a Roma...molla i diecimila euro che se 'investimento' 'PER IL GRUPPO' c'è stato è il GRUPPO a vedersi riconosciuto l'interesse derivato dall'investimento,o no?Certo che se Berlusconi come 'proprietario' del gruppo o 'suo delegato' si fosse costituito parte lesa...ti sei salvato per la 'sua' indiscussa 'bontà'(senza di voi ultimi ex an chi diavolo è rimasto ancora in fi?)...altrimenti...

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mer, 06/04/2016 - 16:26

Se la Direzione amministrativa del Pdl non l'avesse beccato col cavolo che li restituiva.Fossi stato nel Pdl avrei voluto indietro anche 10.000 come frutto del proprio capitale.

Rossana Rossi

Mer, 06/04/2016 - 16:58

Processo a Gasparri per queste fesserie, ma i processi seri ai ladri abusivi che pretendono di governarci quando si faranno???????.......

Beaufou

Mer, 06/04/2016 - 17:09

Come direbbe Fede: che figura di m....! Assolto, sì, ma quella resta, Gasparri. La facevo un po' più furbo, oltre che un po' più corretto.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 06/04/2016 - 17:31

Che fffffffffffffffffffffigura di mmmmmmmmmmmmerda hai fatto Gasparri.

Alessio2012

Mer, 06/04/2016 - 18:43

Gasparri è l'unico che riesce a resiste agli assalti delle toghe rosse. Vorrei i suoi avvocati..

peter46

Mer, 06/04/2016 - 19:30

Alessio2012...invece di ricorrere a 'lui' ed agli avvocati di 'lui'...stavolta Gasparri,a sua insaputa oh!,ha chiesto aiuto alle 'amicizie' di Fini:ed è stato assolto....ecco perchè son tornati a 'frequentarsi':meglio tenere i piedi in du.....Che non sia lui 'l'incaricato' della 'riappacificazione' con Berlusconi,dato che se ne è accorto anche 'lui' che gli son rimasti solo le me... p.......,se non riesce a trovare 'sostituti'?