Valanga sulle Alpi Marittime. Tre dispersi e tre feriti

La massa di neve si è staccata sopra i 2.500 metri di altitudine, nel canalone Laroussa che porta all’omonima cima, nella valle Stura di Demonte (Cuneo)

Una valanga si è abbattuta sulle Alpi Marittime, nel canalone Lourussa che porta alla cima Argentera, travolgendo un gruppo di scialpinisti. Due morti, due feriti lievi e due gravi, ma non in pericolo di vita: è questo il bilancio della valanga che si è abbattuta. I feriti sono stati portati all’ospedale di Cuneo, mentre i corpi delle due vittime sono a Sant’Anna di Valdieri a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sul posto sono intervenuti il soccorso alpino, il 118, la Guardia di Finanza e i carabinieri. La massa di neve si è staccata sopra i 2.500 metri di altitudine, nel canalone Laroussa che porta all’omonima cima, nella valle Stura di Demonte (Cuneo). Sulla montagna erano presenti numerosi sci-alpinisti, attirati dalla giornata di sole e dall’innevamento ancora abbondante.