Vaticano, caccia ai complici:spunta anche una donnaIl Papa: "Una nuova Babele"

Indagini in Vaticano. Il maggiordomo del Papa sta collaborando. <a href="/cronache/caccia_mandante_e_altri_tanti_corvi/27-05-2012/articolo-id=589852-page=0-comments=1" target="_blank"><strong>È caccia al mandante e agli altri (tanti) "corvi"</strong></a>. Spunta il nome di una donna

Detenuto nella cella di sicurezza nel palazzo del Tribunale vaticano il maggiordomo di Benedetto XVI, Paolo Gabriele, sta valutando a come difendersi dalle accuse di furto aggravato di documenti riservati. Al momento ha nominato due avvocati di sua fiducia e li ha già incontrati. Secondo i ben informati, l'uomo avrebbe già fatto due nomi agli inquirenti: gli investigatori vaticani stanno infatti cercando riscontri, prove, complici e un eventuale "livello superiore". Sarebbe, infatti, stata già chiusa l'istruttoria sommaria del promotore di giustizia Nicola Picardi e avviata la fase di istruttoria formale condotta dal giudice istruttore Piero Antonio Bonnet. E tra i "corvi" spunterebbe pure il nome di una donna.

"Lo Spirito ci illumini e ci guidi a vincere il fascino di seguire le nostre verità, ed accogliere la verità di Cristo, trasmessa dalla Chiesa". Concludendo l’omelia della messa di Pentecoste che celebra in San Pietro con novanta tra cardinali e vescovi, il papa Benedetto XVI ha spiegato che "agire come cristiani" oltre "il proprio io" ma "nel tutto e a partire dal tutto" significa, prima di tutto, "superare la Babele" della divisione e della incomunicabilità, grazie allo Spirito. Introducendo anche il tema dell'unità della Chiesa, il Santo Padre ha anche parlato delle "opere della carne", tra cui "egoismo, violenza e inimicizia", contrapponendole a quelle dello Spirito. Da qui l’invito a vivere in "unità e verità".

In Vaticano, però, le indagini preseguono. "Il passaggio alla fase formale - ha spiegato il direttore della sala stampa vaticana padre Federico Lombardi - ha permesso la ufficializzazione del nome dell’arrestato, e di detenzione a tutti gli effetti si tratta, visto che in Vaticano non esiste il fermo". Le indagini procedono spedite grazie al fatto che la giurisdizione è interamente vaticana: Gabriele è infatti cittadino vaticano, abita in Vaticano e nella sua abitazione sono stati "rinvenuti documenti riservati". Indagini a tutto campo, che non escludono "altri atti" e i cui tempi, proprio per questo, potrebbero anche allungarsi. Attualmente la magistratura ha contestato a Gabriele il reato di furto aggravato. La perquisizione ha permesso di trovare a casa di una delle persone più vicine al Santo Padre documenti ai quali solo una ristretta cerchia di collaboratori poteva avere accesso.

Secondo Repubblica, ci sarebbe anche una donna tra i "corvi" del Vaticano: si tratterebbe di "una laica che lavora nel Palazzo apostolico e che, facendo emergere carte interne alla Santa Sede, ha cercato di inchiodare alcuni cardinali". Secondo il quotidiano diretto da Ezio Mauro, la donna sarebbe "una signora giovane, sposata, che ha anche un altro lavoro fuori dalla Santa Sede". Il corvo rosa non temerebbe di essere incriminata dal momento che è cittadina italiana. Gli inquirenti stanno, comunque, cercando di far luce sui possibili moventi. Secondo alcuni, alla base del gesto ci sarebbero motivi ideologici. Il "corvo", denominato "Maria" nel libro di Gianluigi Nuzzi, è infatti descritto come cristiano, amante della Chiesa, disgustato dalle faide e guerre di potere. Livelli a parte, si fa sempre più concreta l’ipotesi di una fitta rete di complici.

Commenti

artù

Dom, 27/05/2012 - 09:04

Ma cos'è scandaloso ..... che le notizie i misfatti del clero siano trapelati, che si sia data voce alla verità che bisogna perseguire sempre come è nel DNA cristiano, o il fatto che qualcuno ha aperto il coperchio su ciò che non si doveva sapere......... Siamo di fronte a una grave crisi di credibilità sulle malefatte del clero che oggi ha avuto un'accelerasione. La storia insegna.

les paul

Dom, 27/05/2012 - 10:08

Mi meraviglio che non ci sia alcun commento, tipo la chiesa non c'entra niente ma sono gli uomini che sbagliano, tipo che le mele marce stanno dappertutto, tipo aspettiamo il risultato delle indagini ecc..... La mia modesta opinione, che spero questa volta venga pubblicata contrariamente ad altri post dei giorni scorsi, è che in momenti cosi' difficili l'Italia dovrebbe ridimensionare , se non eliminare, qualsiasi sussidio economico destinato alla chiesa, annullando i famosi patti lateranensi. Poi la chiesa, con i suoi soldi, i suoi misteri, le sue leggi ed i suoi fedeli, faccia quello che vuole, senza necessariamente state attaccata come una cozza all'Italia. Si guadagni la sua indipendenza con un sussulto di dignità, continuando i suoi affari con le sue banche ed i suoi intrallazzi. Esiste anche il lavoro, non è un peccato, è proprio LAVORO. Spero che i chierici approfondiscano l'argomento con umiltà e senza pregiudizi. L A V O R O.

BENNY1936

Dom, 27/05/2012 - 12:21

In radio o TV non si parla d'altro. A me pare che non sia poi una notizia così importante. Probabilmente nei paesi più a nord avranno dato la notizia senza strepiti. Ma noi abbiamo aqncora parecchi anni davanti prima di allentare i vincoli troppo stretti, non più conformi ai tempi attuali, con "l'altra sponda del Tevere".

umberto0821

Dom, 27/05/2012 - 12:40

E ve le immaginate le sghignazzate degli Spagnoli se Andorra osasse mettere il nasino negli affari spagnoli? Specie in questo momento così difficile?

pescecane

Dom, 27/05/2012 - 12:47

#2 les paul - Vorrebbe cortesemente spiegarmi cosa c'entrano i Patti Lateranensi, che tra l'altro sono inseriti nella nostra Costituzione, con gli scandali veri o presunti che riguardano la pubblicazione di lettere riservate dei collaboratori di Benedetto XVI?

tzilighelta

Dom, 27/05/2012 - 13:25

È giunto il momento di rivedere anzi annullare i patti lateranensi, lo stato straniero nel cuore di Roma non ha più ragione di esistere, ormai sono più i misfatti che le opere di bene a far parlare del caravanserraglio chiamato chiesa! E poi l'influenza sul paese e sul governo italiano è assurda e incomprensibile per uno stato moderno come l'Italia! Ci sono parlamentari che lavorano per il Vaticano (Binetti in primisi) e altri che in questi giorni chiedono il ritiro del libro e la punizione per il giornalista Nuzzi che ha pubblicato le lettere che svelano gli intrighi e gli imbrogli anche ai danni del nostro paese! Non solo, questo giornale in qualche modo è coinvolto, basta pensare al caso Boffo! In quelle lettere Feltri non ne esce bene, anzi!

GUGLIELMO.DONATONE

Dom, 27/05/2012 - 13:29

Chissà se verremo mai a conoscenza del contenuto di questi "documenti e corrispondenze private" del santopadre sottratte dal.....maggiordomo! Don Peppì, li renda pubblici lei, prima che lo facciano gli altri. Tanto, è ovvio, si tratterà di argomenti ecclesiastici che tutti i fedeli saranno ansiosi - e ne hanno il diritto - di conoscere per rafforzare la fede. O no?

abocca55

Dom, 27/05/2012 - 13:36

I roghi dove gli eretici erano stati bruciati avevano reso l'aria irrespirabile, e il grande inquisitore si apprestava a lasciare il campo, quando gli apparve una figura di uomo, chiaramente riconoscibile, era Cristo, che chiese al giudice se ciò che era avvenuto fosse attinente al suo insegnamento. Ma ad un certo punto, il prelato, infastidito, gli rispose: va via altrimenti dobbiamo bruciare anche te. (da I Fratelli Karamazov -di Dostoevskij)

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Dom, 27/05/2012 - 14:19

*** >Riunione clericale< Trilussa, 1911, da Ommini e bestie. La sala indove fanno la riunione è un sito senza lusso e senza boria: nun c’è che un Papa in sedia gestatoria e un Gesucristo in croce in un cantone. Don Pietro, er presidente, fa la storia de come vanno l’organizzazione; dice: - Co’ li tranvieri va benone, co’ li scopini è stata una vittoria. - Poi parla de le cariche sociali, de l’elettori, de l’affari sui, e de banche e de sconti e de cambiali… De tutto parla meno che d’Iddio, e forse er Cristo penserà fra lui - Se so’ scordati che ce so’ pur’io! E sarà sempre peggio, il dio denaro ha sempre sopraffatto anche i rappresentanti del Divino Dio che, vivono nella luxuria ed altro di peggio.*

augusto fontanelli

Dom, 27/05/2012 - 14:59

la fine della Chiesa. L'inizio della grande Apostasia!

niklaus

Dom, 27/05/2012 - 15:19

Esiste oggi un principio perverso secondo il quale la collettivita', con in testa i media, avrebbe il diritto di conoscere tutto quanto avviene sia nella sfera privata che nelle varie istituzioni. In realta' esistono condiderazioni, propositi e giudizi che lecitamente dovrebbero essere segreti fino a quando i loro autori non decidano responsabilmente di renderli pubblici nelle loro relazioni esterne. Tuttavia esiste oggi una morbosa avidita' di informazione su qualunque tema, che non ha nessun altro effetto che quello di seminare discordia. Se mi impossessassi del diario di una ragazza quindicenne per appenderlo nella bacheca della sua scuola farei un atto odioso oltre che, probabilmente, rovinare i suoi rapporti sociali. A partire dai giornalisti, dovremmo renderci conto che lo scoop spesso non e' un merito, ma una vera e propria canagliata.

summer1

Dom, 27/05/2012 - 15:26

Papa la gente muore ancora di fame. Prova a vestire i panni di quel Gesù a cui "tu di di ispirarti," forse potresti vedere tutte le cose sotto un altro aspetto. Quali corvi? Quale Babele? Quali tradimenti? ...e le ricchezze? Il rispetto, non è forse reciproco? Quanti morti in nome di Cristo? ..... si riempirebbero libri e libri per quante malefatte!

summer1

Dom, 27/05/2012 - 15:37

niklaus, sei fuori strada? Il Gesù raccontato dalla chiesa Cattolica Cristiana quanti segreti dice di avere??????? Non mi sembra che i servitori di Dio ci dicano che Gesù abbia dei segreti, degli interessi materiali ed economici da proteggere. ....ecco quella è la strada che la Chiesa deve intraprendere e seguire.

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Dom, 27/05/2012 - 15:49

*** Con atti kriminali della peggior specie come bruciare vivo a Campo de' Fiori il Grande Giordano Bruno, l'omo di chi-è-sa diventò qualcuno.>>> * Fece la fine de l'abbacchio ar forno perchè credeva ar libbero pensiero, perchè si un prete je diceva: - E' vero - lui rispondeva: - Nun è vero un corno! - Co' quel'idee, s'intenne, l'abbruciorno, pe' via ch'er Papa, allora, era severo, mannava le scommuniche davero e er boja stava all'ordine der giorno. Adesso so' antri tempi! Co' l'affare ch'er libbero pensiero sta a cavallo nessuno pò fa' più quer che je pare. In oggi co' lo spirito moderno, se a un Papa je criccasse d'abbruciallo pijerebbe l'accordi còr Governo.* P.S. La storia sotto altre forme, si ripete sempre.

tzilighelta

Dom, 27/05/2012 - 16:00

#11*niklaus egregio, il suo commento lo condivido solo in parte, che i media sparino a zero su ogni argomento in materia privata e non interessante è fuori discussione! L'esempio che lei porta con la ragazzina messa alla gogna a scuola non c'entra niente con gli intrighi del Vaticano, se tra adulti che ricoprono incarichi istituzionali si trama di nascosto agendo al contrario di quello che si declama in pubblico, la cosa è diversa! Se poi queste trame incidono negativamente sui cittadini tarTassati oltremisura, è anche peggio! Graziare la chiesa da L'imu e l'ici per mero calcolo politico è un qualche cosa che è giusto conoscere, e poi stiamo parlando della chiesa, un istituzione (il Vaticano) anacronistica, uno stato straniero che influenza un paese libero e moderno (almeno mi illudo che sia così) prima o poi bisognerà fare i conti, più si rinvia e più aumenta la tensione!

eloi

Dom, 27/05/2012 - 16:03

E' già un pò che il mio 8x1000 non va più alla chiesa, resta nelle casse dello Stato. Amche il 5X1000 non va più alle onlus collegate alla CEI. E' colpa loro.

niklaus

Dom, 27/05/2012 - 16:27

#15 tzilighelta: Lei sa bene che tutti siamo responsabili per quello che facciamo o diciamo apertamente e responsabilmente, anche se a volte non corrisponde a quello che desideriamo o pensiamo. La garanzia della liberta' e segretezza della privacy e' il fondamento della nostra societa'. Forse lascia spazio all'ipocrisia, ma quando si cominciassero processi alle intenzioni sappiamo dove si andrebbe a finire. Guardi come agisce il giornalismo attuale e si rendera' conto di questa abominevole prassi.

Ritratto di GMTubini

GMTubini

Dom, 27/05/2012 - 17:15

Ennesimo attacco anticlericale di stampo massonico. Quelli che ora sghignazzano dei preti preparino il portafogli: lo so che il nesso tra le due cose non è immediato, ma è quello che insegna la storia antica e recente. Ci si sente!

les paul

Dom, 27/05/2012 - 17:28

@ pescecane - i patti lateranensi regolano anche e soprattutto i rapporti economici fra l'Italia e la cosiddetta santa sede (volutamente minuscolo). I documenti in oggetto parlano prevalentemente di potere, di danaro, di nomine, di incarichi e quant'altro, riconducibili comunque al danaro, sia esso dello Ior o delle missione estere. Eccomperchè ho scritto che sarebbe opportuno eliminare qualsiasi cordone ombelicale legato al DANARO che lega l'Italia al vaticano. Come stato non ce lo possiamo piu' permettere, e chi crede invece puo' liberamente versare quanto gli pace per salvarsi l'anima. Spero di esser stato chiaro. Cordialmente.

lulumicianera

Dom, 27/05/2012 - 17:38

E' arrivato il tempo che la chiesa torni alle origini,lasci gli sfarzi delle cerimonie e dei palazzi .Ci sono troppi intrighi e la gente non è più soggiogata e silente davanti a certi avvenimenti che sono a dir poco discutibili. Se vuole ritrovare credibilità deve ripensare al suo ruolo,più parola di Gesù e meno parola alla finanza

lunisolare

Dom, 27/05/2012 - 17:55

Questo Papa da fastidio perchè ha mostrato coraggio etico nel denunciare il fenomeno della pedofilia, perchè è un fine studioso, perchè è intransigente per l'aspetto dottrinale, si può essere in disaccordo ma se ci fossero persone così in politica sarebbe un bene per l'Italia.

Ritratto di scandalo

scandalo

Dom, 27/05/2012 - 17:59

In POLONIA nella seconda guerra mondiale un SS aveva arrestato un giovane prete e lo stava per uccidere puntandogli un pistola alla tempia quando una luce lo abbagliò ed una voce tuonò " NON FARLO , NON FARLO , QUESTO DIVENTERA' UN GRANDE PAPA " !! .....Colpito dall'apparizione , il tedesco si fermò e lo risparmiò ma ebbe l'arroganza di chiedere "E IO" ?? ci fu attimo di attesa "TU DOPO , DOPO, PURTROPPO" rispose la voce con un tono sconsolato e depresso !!

les paul

Dom, 27/05/2012 - 18:09

La segretezza e la privacy devono valere per tutti, anche per i politici che intrattengono donnine a casa loro, o che contattano altre persone e vengono intercettati, e su queste donnine spiate dal buco della serratura a me sembra che la santa sede (sempre minuscola) non si sia risparmiata in commenti, stigmatizzazioni e altre considerazioni. Quindi la segretezza e la privacy, soprattutto se si parla dei MIEI SOLDI, di come vengono dilapidati e di quali e quanti intrallazzi si portano dietro Banche vaticane, diocesi e quant'altro... embè ... mi sembra un po' di parte, un tantinello ipocrita ed un pizzico faziosetto. La segretezza e la privacy si devono rispettosamente a quelli che le praticano rispettando gli altri, non a chi ritiene di mettere becco in questioni altrui, salvo ad invocarle (segretezza e privacy) quando toccano le loro tristi e squalliducce faccende terrene.

les paul

Dom, 27/05/2012 - 18:20

#21 lunisolare per la verità la denuncia della pedofilia è avvenuta dopo che migliaia di prelati erano state rinviati a giudizio, altri condannati e tante vittime risarcite dalle varie diocesi. L'attuale papa avrebbe dovuto sancire L'OBBLIGO DI DENUNCIA di quei casi di pedofilia veri o presunti dei quali un prete o cardinale o vescovo venisse a conoscenza. E questo obbligo, dopo mesi ed anni di condanne della pedofilia, NON ESISTE DA NESSUNA PARTE. Cioè, per capirci bene, oggi il pretino o il vescovo o chiunque della chiesa venga a conoscenza di u caso di pedofilia NON DEVE DENUNCIARLO alle autorità civili, ma puo' farlo o meno. Quindi a me sembra che la chiesa debba far seguire i fatti alle storie che racconta da due migliaia di anni. Fatti, non storie.

Telramund

Dom, 27/05/2012 - 18:49

Il Vaticano, è uno Stato come tanti altri, con i suoi segreti, cabale, veleni, faide interne, ecc. Che l'uomo vesta l'abito talare, una divisa o quant'altro, sempre uomo rimane con le sue debolezze e virtù. I covi di vipere, s'annidano ovunque. Quindi, non mi stupisco più di tanto. Quello che mi urta, è il tradimento fine a se stesso. Carpire la fiducia d'una persona, in questo caso del Papa. Chiunque si comporti in siffatto modo, per il sottoscritto vale meno d'una cicca. Saluti.

Ritratto di xulxul

xulxul

Dom, 27/05/2012 - 19:11

Allora, qui come al solito si dicono scemenze. Soprattutto da parte di chi non sa che cosa sia la Chiesa, cosa ci stia a fare e perchè Dio l'abbia voluta per TUTTA l'umanità. Molti sprovveduti cadono nell'errore che questa sia la fine della Chiesa. Tapini. La Chiesa ha debolezze umane, ma il suo dna è divino, e al suo Signore direttamente risponde. Pensare alla Chiesa come ad una mera organizzazione umana la dice lunga sulla malafede o sull'ignoranza della maggior parte di coloro che ammorbano questo blog. La Chiesa, signori, non crollerà neanche stavolta. Ben altre tempeste l'hanno sconvolta. Studiate! Sempre vittoriosa, della forza del suo Signore. Però una sana ripulita di tutti i finocchi (pedofili), massoni, comunisti, ruffiani e approfittatori in genere, questo sì. Dovranno cadere molte teste. La Chiesa ha seppellito fior di criminali (Hitler, Stalin, Togliatti ecc.), credete che non ce la faccia neanche stavolta? Per favore un po' di onestà. Non praevalebunt, ricordatevelo.

canova.emilio

Dom, 27/05/2012 - 19:27

Santità, la chiesa cattolica raccoglie ciò che ha seminato. Fingere di non vedere, fingere di non sentire, fingere di non sapere, quando tutti, cattolici e laici, alcuni intuivano, altri constatavano addirittura personalmente, tutto il marciume che regna all'interno del vaticano, è stato un atteggiamento profondamente sbagliato. Quando i fatti accadono, per gravi essi siano, vanno affrontati a viso aperto con responsabilità. Costringere i sottoposto ad essere omertosi nascondendosi nelle sacrestie, alla lunga non paga, vedasi i "corvi" che con il passare del tempo si saranno stufati di ingoiare amaro e per dare una pulitina alla coscienza e forse anche un'aggiustatina al portafoglio sono venuti allo scoperto. Per conto mio, ben vengano! Pace & Bene.

Ritratto di xulxul

xulxul

Dom, 27/05/2012 - 19:28

Segue: Sono stati perpetrati reati gravissimi a danno del Santo Padre: sia intra moenia che extra. Speriamo che la magistratura italiana (indipendente a corrente alternata, cioè quando le fa comodo) arrivi ad una condanna esemplare di chi ha pubblicato dolosamente documenti sottratti commettendo reati. Il diritto di cronaca è un'altra cosa. Non ci si nasconda dietro la classica foglia di fico. E anche il Papa, come capo di Stato estero deve essere tutelato. E con lui tutti i liberi cittadini, che non possono essere diffamati da gentaglia senza scrupol,i mossa solo da vanagloria, odio e avidità. Nuzzi che fa la verginella in tv mi fa ridere se non piangere. Tutto ciò premesso, questo casino dice anche a chi ha a cuore la Chiesa che una simile gerarchia indegna e incapace deve essere punita e azzerata. Le pene canoniche ci sono così come i tribunali ecclesiastici. Facciamoli funzionare. I soliti fessacchiotti degli anticlericali resteranno con un palmo di naso anche stavolta. Sorry.

Jonovan

Dom, 27/05/2012 - 20:55

Il Papa sà,visto che parla di Babele cosa dice l'ultimo libbro della Sacra Bibbia "APOCALISSE" circa la fine non certo bella che farà "Babilonia la grande meretrice".Babilonia, l'insieme di tutte le false Religioni di cui quella Cattolica Romana nata da un vile compromesso con un imperatore (il politico Costantino) è la più rappresentativa.IL predecessore di questo Papa,ha avuto il coraggio di chiedere perdono alla umanità intera per il vergognoso passato della Romana Chiesa Cattolica.L'attuale, abbia anch'esso un coraggio ancora più alto.Chiedendo perdono per le porcherie di oggi e mettendo in essere una totale riforma della chiesa,cominciando dall' buttare fuori la teologia ed i teologi (servono solo a complicare il il messaggio della massima semplicità di N.S.SIGNORE GESU'dopo di che tornare alla dottrina dei primi e veri Cristiani del I° secolo d.C. Dottrina che si basi esclusivamente sugli insegnamenti del Santo Vangelo.

Ritratto di scandalo

scandalo

Dom, 27/05/2012 - 21:33

mah ?? ha i capelli cotonati , la vocina da seminarista , sempre lindo e pulito vestito di bianco come un giovane chierichetto !! ora si metta anche un foulard rosso !! se lo facessi che ho meno anni di lui come mi definirebbero ??

Jonovan

Dom, 27/05/2012 - 21:39

#Per xulxul.Lei con il suo intra moenia,mi fà pensare che abbia letto molto su libri di medicina,che qualche pagina di sana lettura Bibblica.Posto che io leggo tutta la Sacra Bibbia tutti i giorni da molti anni .Posto che io abbia letto gli ultimi libri scritti dal Giornalista Gianluigi Nuzzi su cui mi è venuto un pensiero (che non sia stato ispirato da N.S.Signore per dare l'ultimo avviso ai prelati alti e bassi della cosiddetta chiesa cattolica romana?).A lei consiglio di leggere bene e totalmente non dico ,la BIBBIA ma almeno il Sacro Vangelo e dopo legga i libri del dott.Nuzzi.Poi se mi permette un altro consiglio,non definisca santo un uomo come tutti gli uomini , cioè fallibile, peccatore insignificanti di fronte alle meraviglie del Creato.I santi li reputa solo il n.s.CREATORE

les paul

Dom, 27/05/2012 - 21:57

Sono migliaia i casi di pubblicazioni di interrogatori, di intercettazioni ambientali, di documenti riservati e quant'altro che si concretizzano ogni giorno in Italia. E sono altrettanto numerose le inchieste del ministero per capire da dove sono usciti i documenti pochi minuti dopo la loro realizzazione. Mai scoperto niente negli ultimi 50 anni .... E adesso sarebbero stati "perpretati reati gravissimi a danno del santo padre "..? ... niente di meno. Altro che foglie di fico, qua siamo alla commedia dell'arte. Con rispetto per i santi padri.

franky6464

Dom, 27/05/2012 - 22:09

se è vero che la chiesa ha seppellito molti criminali, è anche vero che ha ammazzato moltissimi innocenti...xulxul, mi sa che il tuo dio se veramente esiste, si è accorto di aver fatto un gran casino ed è scappato via

MauxWarp

Dom, 27/05/2012 - 22:13

C'e' poco da commentare..... Il MONDO in totum sta evolvendo.... ognuno si faccia onere dei propri misfatti!! Poi ne riparleremo.....Ricordate.... Il Nostro Padre Creatore e' sempre VIGILE.... non occorre dire altro. A buon intenditor poche parole bastano..!!

tzilighelta

Dom, 27/05/2012 - 22:16

xulxul carissimo, la tua devozione è pari alla tua superbia, troppo convinto di aver capito tutto, coltiva il dubbio, soprattutto quando affermi che la costruzione della chiesa è stata voluta da dio in persona! Hai letto il contratto? L'appalto chi lo ha preso un antenato di anemone? Dai xluculc sei peggio della Binetti! Ti saluto! P.s. Viva i corvi!

ErnstJunger

Dom, 27/05/2012 - 22:44

La chiesa...ecco uno degli sprechi enormi che lo stato italiano dovrebbe tagliare.

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 27/05/2012 - 23:06

se anche in piazza san pietro si urla " vergogna vergogna " magari a qualche buon signore avra voglia di cercare o dire un po di verita illuminato dal signore !!!!!

emmea

Dom, 27/05/2012 - 23:51

#xulxul. Non è questa la Chiesa di cui il vangelo ci dice che le porte dell’inferno non prevarranno. Questa è la Chiesa vagliata da Satana come si vaglia il grano. E’ la natura divina della Chiesa che non cadrà mai e che le porte dell’inferno non prevarranno su di essa in quanto emanazione diretta di Cristo crocifisso e risuscitato. E’ l’anima e lo spirito delle Chiesa con tutto il suo carico di santità universale che è incorruttibile. Gli uomini purtroppo sono tanto fallibili e soggetti a passioni, debolezze e perversioni quanto esempi incredibili di fede, coerenza, carità e altruismo. Stiamo parlando di condotte umane da parte di persone di Chiesa di elevatissimo livello che, se vere, io trovo gravi e discutibili. Si potrà obiettare in punto di diritto se sia giusta o sbagliata la pubblicazione di atti riservati ma concretamente io dò priorità alla verità dei fatti. Se sono fatti veri è giusto che si vengano a sapere, se sono falsi è giusto che chi ha divulgato il falso sia punito.

stefano.colussi

Lun, 28/05/2012 - 00:14

Il Vaticano è pieno di soldi...pieno..pieno..pieno...soldi a Gò/Gò...se qualche furbetto/ital/svizzero ruba è un problema del Santo Padre. In ogni caso sarò sempre con il Papa (made in Germany)...Stefano Colussi (udine)

brunog

Lun, 28/05/2012 - 05:51

Sarebbe meglio che il Vaticano faccia pulizia nel loro retrobottega invece di mettere il naso negli affari italiani. Bagnasco, se ci sei batti un colpo.

GUGLIELMO.DONATONE

Lun, 28/05/2012 - 11:38

lunisolare 21 - Mi piacerebbe sapere da lei se questo papa sarebbe stato capace anch'egli di nascondere e negare l'ormai diffusissimo fenomeno della pedofilia tra i rappresentanti del clero dopo tutte le porcherie celate per secoli e venute alla luce soprattutto dal 2005 in poi. Ha fatto quindi, obtorto collo, buon viso a cattiva sorte e non dato, come lei sostiene, una dimostrazione di coraggio etico. Quanto mai giusto ed apprezzabile sarebbe un analogo comportamento in relazione alle "attualità" così da porre a conoscenza di eventuali malefatte del vaticano anche il popolo italiano nelle cui faccende troppo spesso infila indebitamente il naso. Cordialmente.

GUGLIELMO.DONATONE

Lun, 28/05/2012 - 12:26

xulxul 26 - Complimenti, bella concione, degna del più alto pulpito della miglior cattedrale, in aperto conflitto con quelle che lei temerariamente e presuntuosamente ha definito scemenze. Il suo discettare sul DNA divino della chiesa è assolutamente ridicolo. Che questa chiesa non crollerà neppure in questa circostanza è un fatto certo, ma non per i motivi anch'essi ridicoli ai quali lei allude, ma proprio in virtù - o per colpa - dei veli pietosi che periodicamente e scrupolosamente vengono calati sulle sue malefatte. Ed è su questo che dio, se c'è, dovrebbe riflettere e prendere adeguati provvedimenti! Ma probabilmente sarà troppo impegnato a dirimere le varie "questioncelle" che certamente anche in paradiso saranno all'ordine dl giorno....!

Ritratto di xulxul

xulxul

Lun, 28/05/2012 - 15:48

Gugliemo Donatone: complimenti a lei, egregio. Ha battutto ogni record. Ignoranza, malafede, supponenza, sprezzo del ridicolo ecc. ecc. Ha fatto molto bene ad invocare il velo pietoso, che, molto opportunamente, dobbiamo stendere sulle sue scemenze. Questo sì, esimio. Dove ha "studiato" (parola grossa)? Sui testi di dan brown, di eco o di augias? Ma faccia il piacere. Non faccia perdere tempo. Piuttosto, e approfitto del post. Pregevole il ragionamento di emmea (#38), anche se frutto di una corrente teologica minoritaria, difficilmente sostenibile. Non lo condivido, ma è degno di riflessione. C'è un "ma", vede caro signore. Gesù, fondando la Chiesa, ha espressamente voluto una compagine visibile, fondata sulla roccia di Pietro e sul collegio degli apostoli. Pieni di difetti molto umani (che i vangeli giustamente non omettono). Questo dato è imprescindibile, aldilà degli scismi che hanno gravemente ferito l'Ecclesia Dei. La ringrazio gentile interlocutore.

Ritratto di xulxul

xulxul

Lun, 28/05/2012 - 15:48

Gugliemo Donatone: complimenti a lei, egregio. Ha battutto ogni record. Ignoranza, malafede, supponenza, sprezzo del ridicolo ecc. ecc. Ha fatto molto bene ad invocare il velo pietoso, che, molto opportunamente, dobbiamo stendere sulle sue scemenze. Questo sì, esimio. Dove ha "studiato" (parola grossa)? Sui testi di dan brown, di eco o di augias? Ma faccia il piacere. Non faccia perdere tempo. Piuttosto, e approfitto del post. Pregevole il ragionamento di emmea (#38), anche se frutto di una corrente teologica minoritaria, difficilmente sostenibile. Non lo condivido, ma è degno di riflessione. C'è un "ma", vede caro signore. Gesù, fondando la Chiesa, ha espressamente voluto una compagine visibile, fondata sulla roccia di Pietro e sul collegio degli apostoli. Pieni di difetti molto umani (che i vangeli giustamente non omettono). Questo dato è imprescindibile, aldilà degli scismi che hanno gravemente ferito l'Ecclesia Dei. La ringrazio gentile interlocutore.

GUGLIELMO.DONATONE

Lun, 28/05/2012 - 17:41

XULXUL 43 - Il fatto che lei cerchi di nascondere il suo abito talare dietro un sintomatico pseudonimo e la propensione all'insulto, che peraltro - data la provenienza - non riesce ad offendermi, evidenziano con chiarezza solare la sua natura. Che non è certamente quella di una persona perbene ma quella di chi, ad oltranza, tenta di nascondere a se stesso ed agli altri le nefandezze di coloro che- lei compreso - così tanto tenacemente lei difende. Stia a sentire, squallido retore da vicolo, la smetta di pontificare dall'alto della roccia di pietro e cali non un velo, ma un piumone a 2 piazze su se stesso e su tutti coloro che con tanta protervia si ostina a proteggere. Non si affatichi a replicare, dovrei rivolgerle un invito che non potrebbe rifiutare....! PREGO VIVAMENTE DI NON CESTINARE.

Ritratto di xulxul

xulxul

Mar, 29/05/2012 - 18:12

#44 GUGLIELMO DONATONE: ho letto il suo esilarante post, e ho rimuginato: "eppure è scritto in italiano". Ma niente. Non ne sono riuscito a venire a capo. Un ragionamento troppo impegnativo. Mette a dura prova anche le menti più raffinate della mia. Mi sono detto con invidia: a Stoccolma, se l'avessero conosciuto prima, l'avrebbero insignito del premio Nobel al posto di Fo. Poi, ad un tratto, un'illuminazione: sono andato a scartabellare nella mia piccola biblioteca e mi è capitato nelle mani il capolavoro di Sciascia "Il giorno della civetta". Lo compulso e...tac! Ecco il passo che l'autore siciliano dedica alle varie categorie di umanità (taccio le altre per educazione): "E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere come le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre …”. L'ho raffrontato al suo post, e, devo dire, ho trovato molte affinità. Declino in anticipo il suo invito. Lo riservi ai suoi familiari. Ben più degni di me.

GUGLIELMO.DONATONE

Mer, 30/05/2012 - 13:09

xulxul45 - Non avendo ormai più nulla da chiedere alla sua ultima, sgangherata meninge,è stato di certo costretto a ricorrere all'ausilio di qualche vecchio pretonzolo topo di biblioteca per fare ulteriore sfoggio di una cultura che non le appartiene.Il "non ne sono riuscito a venire a capo" è un capolavoro di costrutto asinino.Sappia poi che "educazione" è un sostantivo generico che si divide in " buona" (e non è il suo caso) e "cattiva" o addirittura pessima come la sua.Anagrammando il suo nick ho avuto anch'io un'illuminazione:fiat LUX et LUX fuit. Ebbene, è in questo sfolgorio di luci che, emergendo da chissà quale cloaca, è apparsa la sua vera natura, quella di chi a Napoli viene benevolmente definito "omm'e niente". dove il "niente"è solo un caritatevole eufemismo. Tenga infine presente che uno soltanto tra i miei numerosi familiari ha dichiarato di essere disposto, superando la nausea, ad inondarle il muso di balsamo alla ptialina. Tanto le dovevo. PER FAVORE,PUBBLICATE.Grazi

Ritratto di xulxul

xulxul

Mer, 30/05/2012 - 18:00

Guglielmo Donatone: jatevenne (si dice così da lei, no?). Ma come si fa volerle male? Uno come lei è proprio da compatire. Oltre l'offesa e il turpiloquio non è riuscito ad andare. Così, anche quel pochino di salvabile nel suo confuso tentativo di balbettare qualcosa su una materia a lei ignota, si è perso nel suo offensivo parlare a vanvera. Vede, per stare sui blog ci vuole molta pazienza, preparazione culturale e molta ironia. Non dispero, però, che lei possa progredire. Infine, in merito alla sua spericolata analisi grammaticale, quasi al pari di quella memorabile di Totò e Peppino, la prego di soprassedere. Lei non dà proprio l'idea di essere un accademico della Crusca. D'ora in avanti, sbollisca e rifletta prima di eventualmente replicare, e non si appelli pavidamente e puerilmente alla magnanimità della redazione. Suvvìa, un po' di dignità. Io mi fermo, anche se temo produrrà altre intemerate. E' più forte di lei. Saluti l'amata Napoli. L'ho nel cuore, nonostante "a 'munnezza".

GUGLIELMO.DONATONE

Gio, 31/05/2012 - 12:08

xulxul - 47 -Credo proprio di averle dedicato fin troppo del mio tempo che avrei fatto meglio a spendere colloquiando con persone perbene e non con un villanzone che vuole apparire - scopiazzando chissà dove - un insieme di cultura e di " raffinatezza mentale". La sua insipienza, unita alla codardia di chi si nasconde coraggiosamente dietro un ridicolo pseudonimo, ha messo in piena luce la sua miseria morale, culturale e intellettuale. Basta così, se ne torni là da dove è venuto e stia pur certo che, nel cuore, lei non ha Napoli, ma soltanto "munnezza".