Vaticano, è morto Joaquìn Navarro Valls

È morto Joaquìn Navarro Valls, a lungo direttore sala stampa vaticana. Aveva 81 anni. È diventato una delle personalità più note del Vaticano

È morto Joaquìn Navarro Valls, a lungo direttore sala stampa vaticana. Aveva 81 anni. È diventato una delle personalità più note del Vaticano durante il pontificato di papa Giovanni Paolo II.
Spagnolo, era nato a Cartagena. Era membro laico della praltura dell'Opus Dei. Medico psichiatra e poi giornalista ha seguito il pontificato di Papa Wojtyla. Dal 1984 al 2006 è stato Direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Ha rassegnato le dimissioni l'11 luglio 2006. Papa Benedetto XVI ha nominato come suo successore il presbitero gesuita Federico Lombardi. Dal 1996 è Professore nella Facoltà di Comunicazione Istituzionale della Pontificia Università della Santa Croce, Roma. Da dicembre 2009 è stato Presidente della Fondazione Telecom Italia. Da gennaio 2007 era Presidente dell'Advisory Board della Università Campus Bio-Medico di Roma.

Commenti

duca di sciabbica

Mer, 05/07/2017 - 21:23

e vero braccio armato di Woytila, che si servì di lui alla conferenza del Cairo del '94 per bloccare, assieme ai paesi islamici, qualsiasi accenno di politica demografica dell'ONU. Con il brillante risultato che entro il 2020 la Nigeria avrà la stessa popolazione dell'intera Europa.

Biagiotrotta

Mer, 05/07/2017 - 22:01

Brava persona che riposi in pace

Garombo

Mer, 05/07/2017 - 22:03

E' morto , e sti caxxi?

elfrate

Mer, 05/07/2017 - 22:26

Ho avuto il piacere di conoscerlo. Ringrazio Dio di avermene dato l'opportunità. un ricordo particolare nelle mie preghiere. remo

Aprigliocchi

Mer, 05/07/2017 - 22:32

Era celebre, ma quanta povera gente muore nell'anonimato ogni giorno ? Gente sfruttata nella vita, umiliata, privata dei diritti umani... Pace all'anima sua se Dio vuole cosi !

Ritratto di ALCE BENDATA

ALCE BENDATA

Mer, 05/07/2017 - 23:55

La classe non è acqua e Navarro ne era la dimostrazione. Santo Karol gli voleva un gran bene e lui lo ha sempre ricambiato. Insieme hanno avuto il merito di essere chiari nella comunicazione e anche a volte di affascinare laici come lo scrivente prima di loro del tutto refrattari alle cose del Vaticano. M'incuriosivano. La gestione del Giubileo con l'invasione di Roma di milioni di pellegrini fu un opera titanica con molti romani stressati dalla pressione delle masse dei giovani ma con il sorriso il Papa e Navarro seppero smussare. Un sorriso che oggi con i Gesuiti al comando è più simile a un ghigno. Riposa in pace Navarro. Grazie: io ti ricorderò!

Dordolio

Gio, 06/07/2017 - 06:13

Credo NON fosse una bella persona. Lui stesso dichiarò di aver allontanato in modo spiccio dei cattolici cinesi (perseguitati) che volevano avvicinarlo e parlargli. Certo, vi sono forse "alte strategie diplomatiche vaticane" che impongono altre vie per servire il Signore. Ma rimasi sbalordito dal tono del personaggio mentre narrava l'episodio. Nella forma e nei modi. Sembrava fosse stato addirittura disgustato dal tentativo di quei cattolici. Evidentemente volava troppo in alto col suo cursus honorum per vedere i dolori dei credenti. Succede. Spesso pure.

un_infiltrato

Gio, 06/07/2017 - 07:46

Sulla scomparsa di questa Persona, insostituibile braccio destro di uno degli Uomini più Grandi della Storia dell'Umanità, si parlerà - sì e no - fino a questa sera. Niente fiumi d'inchiostro, lacrime, commemorazioni, camere ardenti in Campidoglio, intitolazioni di strade, piazze o gallerie. Niente di niente.