Ve la vedrete con Napoleone

I giochi sono fatti, le liste dei candidati presentate. Tra quattro settimane toccherà a noi fare l'ulteriore selezione. I sopravvissuti alla prima e seconda conta siederanno sui banchi di Camera e Senato, chi in maggioranza e chi all'opposizione, per cercare di risollevare questo Paese. Compito arduo, ancora non si è iniziato e l'agenda è già fitta di scadenze importanti, alcune decisive. Non vorrei distrarre i candidati da impegni del genere con bazzecole, ma ci sono piccoli fatti che rendono l'idea di cosa serva a questo Paese più di un programma elettorale scritto da professori e scienziati.

Certo, dobbiamo abbassare le tasse e regolare l'immigrazione, dobbiamo aiutare i pensionati e i giovani a entrare nel mondo del lavoro. Ma tutto questo non accadrà se lo Stato non la smette di essere arrogante, cialtrone, burocratico e quindi ridicolo. Come sta facendo, per esempio, a Venezia e qui vengo a rubare l'attenzione dei futuri parlamentari - con i suoi bracci investigativo e giudiziario. La notizia è questa. Il 14 febbraio si terrà un processo contro dei cittadini Serenissimi, mattacchioni nostalgici della Repubblica di Venezia, dissoltasi nel 1797 per mano di Napoleone. Il loro reato? Aver distribuito, nell'ottobre del 2015, in modo assolutamente pacifico, volantini contro un concerto organizzato nelle sale della Scuola Grande di San Marco (uno dei simboli di Venezia) in onore di Napoleone Bonaparte, da loro ovviamente ritenuto (storicamente è così) un invasore, usurpatore e saccheggiatore della Laguna.

Vien da ridere, ma è successo. Poliziotti e magistrati si occupano con serietà, tempo e soldi del reato di offesa a Napoleone, salvo poi lamentarsi che i comparti della giustizia e della sicurezza sono sotto organico e loro non ce la fanno più. Ma il fatto grave è che i loro superiori ministro e Csm glielo permettono senza nulla eccepire.

E allora capite bene, cari futuri deputati e senatori, che se andate a guidare un Paese che oggi non è in grado di fermare un folle e illiberale processo per offesa a Napoleone (basterebbe una telefonata), come pensate di poter fermare l'immigrazione, la disoccupazione la voracità fiscale? Non voglio rovinarvi la festa di oggi ma, credetemi, non siete ben messi. L'Italia non va rinnovata, va rifondata da testa a piedi e senza sconti per nessuno. Buona fortuna.

Commenti
Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 30/01/2018 - 15:39

BEN DETTO!!!

rrobytopyy

Mar, 30/01/2018 - 15:42

nessuno farà nulla, è molto più facile cercare di applicare le regole della giustizia per le bischerate che non per le cose serie. Dietro le bischerate ci sono i poveri diavoli, dietro le cose serie quelli che contano, e quindi che vuol sperare sig. Sallusti ?

squalotigre

Mar, 30/01/2018 - 16:20

Non ci credo. Il Direttore Sallusti oggi ha bevuto troppo. Se però la notizia è vera come purtroppo è bisogna urgentemente ricoverare alla neuro tutti coloro che hanno imbastito un tale processo naturalmente dopo averli cortesemente invitati a dedicarsi all' agricoltura. La giustizia è diventata una farsa che non fa neanche ridere. Va bene che siamo a Carnevale ma che i magistrati siano diventati dei Pulcinella con la toga é incredibile. Una volta credevo nella giustizia. Povera Italia.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mar, 30/01/2018 - 16:23

Purtroppo se considero la qualità intellettiva dell'italiano medio, ma sopratutto il suo livello di consapevolezza su argomenti più IMPORTANTI che non siano il gossip o il calcio (quello con la palla, non l'elemento chimico) arrivo alla conclusione che questo Paese ha il destino segnato da CHI ha interesse a mantenerlo tale, sia dentro l'Italia (quelli che l'hanno svenduta, come prodi dalema debenedetti e la sinistra radical chic in genere che da 25anni predica che "privatizzare è bello", vedere in proposito la triste storia di Telecom) che oltre confine, dove molti avvoltoi società multinazionali hanno interesse ad acquistare a basso costo pezzi [una volta] ingenti di know-how e aziende italiane, oltre quelle che sono già passate in mano straniera, la cui lista è lunga.

Ritratto di Antero

Antero

Mar, 30/01/2018 - 16:29

Già ...

dagoleo

Mar, 30/01/2018 - 16:36

Parole sante direttore. Forti coi deboli e deboli con i forti. Questo è il principio guida degli stati deboli ed infingardi, che preferiscono ingigantire le cavolate piuttosto che occuparsi dei problemi seri e veri. Le stesse cose fatte dai centro sociali contro le prime alla Scala passano sotto silenzio. Questa puttanata gonfiata come se fosse un attentato alla sicurezza dello stato.

apostata

Mar, 30/01/2018 - 16:42

quello dei magistrati è un gioco, un gioco d’azzardo per i malcapitati

Ritratto di drazen

drazen

Mar, 30/01/2018 - 16:48

Ha ragione, Direttore! Però, mi consenta, da veneziano, una precisazione: non era la Scuola Grande di San Marco (oggi l’Ospedale Civile), ma la Scuola Grande di San Rocco, dietro ai Frari.

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Mar, 30/01/2018 - 16:55

pala e piccone a vita per questa magistratura

Rossana Rossi

Mar, 30/01/2018 - 17:39

Ricordatevi tutte queste vergogne quando andrete a votare............i prepotenti usurpatori incapaci che pretendono di governarci vanno annientati........

Cheyenne

Mar, 30/01/2018 - 17:51

Direttore vox clamantis in deserto. I buffoni di magistrati e il cialtrone di ministro se la pigliano con gente che non si sa quale reato abbia commesso. Ma si sa i magistrati i reati li inventano con grandissima fantasia

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mar, 30/01/2018 - 17:55

Più stato, più miseria. Non penso che i politici, tutti, abbiano l'intenzione di ridurne la pervasività e la nocività. Quindi prevedo un percorso in discesa verso un degrado inarrestabile per un'italia del tutto irriformabile. Ho visto Casini nelle liste del Pd a Bologna. Un allievo di Forlani, vecchio DC moderato centrista, col Pd dovrebbe far alzare le antenne agli elettori. E farli ponderare molto a lungo prima di recarsi a votare per conferire deleghe ai politici. Io ,ma non ce ne sarebbe bisogno, vedo aumentare di giorno in giorno le ragioni che mi impongono di non partecipare al rito autolesionista del voto.

VittorioMar

Mar, 30/01/2018 - 17:58

EGREGIO DIRETTORE ,SONO QUESTI I VERI PROBLEMI PER I MAGISTRATI CHE NON AVENDO MOLTO DA FARE SI DISTRAGGONO GIOCANDO,E COME DICEVA QUALCUNO,SE IL POPOLO VUOLE GIOCARE LASCIATELO GIOCARE!!..SPERIAMO VIVAMENTE CHE QUALCOSA AVVENGA IL 4/ 3 P.V.!!..GLI ITALIANI DEVONO CAPIRE IL POTERE CHE HANNO NELLE LORO MANI..NON SANNO ANCORA VALUTARLO PER I TRADIMENTI E LE IMPOSIZIONI DEI POLITICI QUANDO I VOTI SI DISPERDEVANO !! .AUGURIAMOCELO !!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 30/01/2018 - 18:32

Offese a Napoleone? Ma lui ha querelato?

pardinant

Mar, 30/01/2018 - 18:49

Sicuramente i "mattacchioni" saranno assolti, ma dovranno pagarsi tutte le spese di difesa, una specie di condanna accessoria, ma concordo che lo Strano Paese non ha speranze e se quando avevo 19 anni avessi saputo che si finiva così, me ne sarei andato a lavorare e farmi una famiglia altrove.

STREGHETTA

Mar, 30/01/2018 - 18:52

Quello che proprio non si riesce a capire è dove stia il reato. A meno che non si parli del " reato di stupidità ", che però sarebbe a carico degli accusatori e soprattutto, se esistesse, avrebbe non intasato, ma fatto proprio scoppiare le carceri. Povera Italia ridicola, in mano a gente così! Perché è chiaro che i poliziotti non c'entrano,sono esecutori; i magistrati solo quelli di stretta obbedienza; ma chi c'entra è chi manovra le fila, chi dirama la " linea politica ", i criteri secondo cui muoversi. Con alto sprezzo dell'evidente sperpero di denaro pubblico. L'unico felice, dalla tomba, è Napoleone : non l'hanno mai pubblicamente apprezzato tanto!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 30/01/2018 - 19:14

E pensare che Napoleone era un cittadino della Repubblica di Genova e è stato "prestato" alla Francia a seguito della cessione della Corsica. Peccato che di Napoleone, nel bene e nel male, ce n'è stato uno solo.

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 30/01/2018 - 20:52

Generalmente sono pessimista. Stavolta sono molto più pessimista. Il motivo lo spiego subito: la sinistra lascia una situazione pressoché irrecuperabile. La primissima cosa sarebbe quella di espellere immediatamente tutti gli immigrati irregolari (praticamente tutti) bloccando ovviamente tutti gli arrivi, monitorando i nostri confini e le nostre acque territoriali. La seconda (ma contemporanea alla prima) è la riforma della giustizia che, così com'è, è un bastone tra le ruote di un governo che non sia di estrema sinistra. La terza è rimettere a posto tutto ciò che la sinistra ha sfasciato, scuola, lavoro, previdenza... dimostrando tutta la sua incompetenza ed inadeguatezza. E poi ce ne sono tante altre che per brevità vi evito. Se vi sembra un compito da poco...

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 30/01/2018 - 21:41

Dice giustamente Sallusti: “L'Italia non va rinnovata, va rifondata da testa a piedi.”. Sì, ma per rinnovarla dalla testa ai piedi occorrono decisioni serie, chiare, atti concreti e soluzioni radicali. E questo lo si può ottenere solo in un modo, drastico e radicale. Ma non si può dire, non è politicamente corretto. E’ quello che pensa la maggioranza degli italiani; ma non osano dirlo, si limitano a pensarlo, in segreto, a casa. Non si può dire nemmeno qui; sarebbe da censura. O, peggio, si correrebbe il rischio di incorrere nelle sanzioni previste dalla sciagurata legge Mancino o nelle ire di Fiano e Scalfarotto e delle loro proposte per ridurre ulteriormente la libertà di pensiero e di espressione (apologia del fascismo e omofobia), alla faccia dell’art 21 della Costituzione. Quindi dobbiamo limitarci a pensarlo, ma in silenzio. Ricorda la vecchia e maliziosa canzoncina di Milly “Si fa, ma non si dice…”.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 30/01/2018 - 22:22

---questi 4 cialtroni della libera repubblica veneta che rivendicano l'indipendenza del 1797-nominano il doge ed altre cavolate similari-stanno superando il segno e la pazienza--è capitato pure abbastanza di recente che quando vengono fermati in auto dai tutori dell'ordine si rifiutano di esibire i documenti e amenità del genere--il fenomeno folkloristico comincia a diventare stucchevole--chi non rispetta o mette a rischio l'articolo 5 della costituzione --si chiama in un solo modo--terrorista--- ed i magistrati fanno bene ad usare il pugno di ferro---augh

Giorgio Rubiu

Mar, 30/01/2018 - 23:11

Mancanza di rispetto a Napoleone? Io, che stavo per mancare di rispetto a Brenno, il Gallo Cisalpino, è meglio che tenga la lingua tra i denti o ci sarà un magistrato che mi manderà in galera.

maria angela gobbi

Mer, 31/01/2018 - 00:00

siccome sembra che tutto derivi da un articolo del codice,tuttora vigente ma nato negli anni Fascisti,ossia il Codice Rocco,ne deriva che le leggi italiane vanno condannate per apologia del Fascismo. Si provveda immediatamente

Giorgio5819

Mer, 31/01/2018 - 09:22

Questo è uno stato di dementi.

paolo1944

Mer, 31/01/2018 - 09:51

Tristemente sono sempre più convinto che il giudizio su di noi, di inglesi per un verso e tedeschi dall'altro (basta chiedere, ve lo dicono in faccia), sia perfettamente giusto. E' il paese intero che è marcio.

Piut

Mer, 31/01/2018 - 10:09

Reato di offesa a Napoleone? esiste questo reato? e su quali basi giuridiche si fonda? Napoleone è stato leader di una nazione straniera che ha invaso gli Stati italiani...reato di offesa? è lo Stato italiano che offende me, suo cittadino, con questa farsa! devo fare causa allo Stato, dunque?

batpas

Mer, 31/01/2018 - 12:26

Superlativo, purtroppo.

batpas

Mer, 31/01/2018 - 12:27

mi duole doverlo ammettere, ma questa è l' Italia.

maria angela gobbi

Mer, 31/01/2018 - 12:31

elkid al solito straparli: ecco cosa scrivi TU " che quando vengono fermati in auto dai tutori dell'ordine si rifiutano di esibire i documenti e amenità del genere" e parli anche di immigrati colorati in treno VERO???(no,qualche commento fa parla di italiani veneti)

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 31/01/2018 - 13:27

---maria angela gobbi---leggiti sto link e vedi chi è che straparla---http://messaggeroveneto.gelocal.it/pordenone/cronaca/2016/03/08/news/siamo-nella-repubblica-veneta-e-non-mostra-i-documenti-all-arma-1.13089131

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 31/01/2018 - 15:14

Direttore, da come la racconta sembra una barzelletta. La realtà è un po’ diversa. Ieri il suo giornalista S. Filippi, nell’articolo “Protesta contro Napoleone: un veneto rischia il carcere”, la raccontava in modo più preciso, chiarendo che l’ipotesi di reato era ben precisa (Napoleone c’entra poco), e cioè quella di violazione dell’art. 18 del Testo unico di pubblica sicurezza, che impone di chiedere l'autorizzazione prima di organizzare una manifestazione pubblica. Ma c’è di più. Albert Gardin non è solo il capo occasionale di burloni veneti, ma viene considerato dagli indipendentisti veneti “Serenissimi” (quelli che nel 1997 occuparono il campanile di S. Marco) il 121° doge della Repubblica Veneta, che questi signori dichiarano ricostituita, non riconoscendo lo Stato italiano. E infatti sono ben conosciuti dalla questura, che è tenuta a perseguirli per i reati che sovente commettono.

maria angela gobbi

Mer, 31/01/2018 - 15:37

no caro,tu parli dei veneti,ma non ho mai letto tue denunce per la follia di non PRETENDERE il regolare biglietto dai così detti migranti che in treno viaggiano gratis,perchè i controllori hanno paura di esigere il rispetto delle regole.I veneti vengono denunciati,i clandestini no.La propaganda "fascista" è condannata,il Codice Rocco,che tu stesso dichiari FASCISTA,viene usato per difendere Napoleone,se non è follia questa...

maria angela gobbi

Mer, 31/01/2018 - 16:01

no caro-ti secca che i "veneti" non mostrino documenti,ma non ho mai letto nulla di tuo circa i clandestini che non pagano il biglietto in treno;proclami che è proibita la propaganda fascista,ma approvi che siano indagati 4 sconosciuti che vilipendono Napoleone (ah!) usando il Codice Rocco che tu stesso dichiari essere Fascista.Se non è follia ---- Rileggi te ipsum,caro kid vattalapesca

Una-mattina-mi-...

Mer, 31/01/2018 - 16:15

CONDIVIDO L'ANALISI: SE MIGLIORA, L'ITALIA ATTUALMENTE POTREBBE AL MASSIMO DIVENTARE IL PAESE DI BURLAMACCO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 31/01/2018 - 16:38

@Elkid - non parlare di terroristi. Se penso a quelli islamici, quelli che tu difendi sempre, neppure da fare il paragone.

semelor

Mer, 31/01/2018 - 19:10

Mi sembra, forse stiamo arrivando alle purghe di Stalin. Da non credere la grande imbecillità di certa giustizia. Meglio ridere per non piangere e c’è ne sarebbe.

maria angela gobbi

Mer, 31/01/2018 - 22:22

a libero-pensiero ed altri:si leggono qui spesso considerazioni che sarebbero condivisibili se si riferissero sempre a tutte le vicende simili E invece no=la legge vale se 4 gatti di "destra" (meglio sarebbe dire "non-sinistra") si mettono d'accordo e fanno una MANIFESTAZIONE senza chiedere il permesso,ma non vale più se gruppi sinistri sfasciano roba privata,bruciano auto di cittadini qualsiasi ecc.La Legge vale se un cittadino italiano non "oblitera" il biglietto del treno,ma non ha valore se gruppi stranieri il biglietto manco lo comprano;la legge si applica se uno non rilascia scontrino fiscale,ma solo se questo uno è cittadino regolare,altrimenti lo scontrino non è obbligatorio. la grande bugia troneggia "LA LEGGE E'UGUALE PER TUTTI"

dank

Mer, 31/01/2018 - 22:29

ben detto sopratutto quando ci sono molestatori, ladri e agressori seriali denunciati a piede libero e per lì'appunto a piede libero.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Mer, 31/01/2018 - 23:16

Non è, per caso, che tra i candidati del partito giustizialista ci sia qualcuno che si crede Napoleone?

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Gio, 01/02/2018 - 07:13

Fossi ancora in Italioa mi verrebbe da piangere. Foetunatamente vivo all'estero e mi viene da ridere ma con l'amaro in bocca. A. Dimenticavo. EL PIRL ti prego, continua cosi', sei utilissimo con le tue fantasie. lol lol lol

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Gio, 01/02/2018 - 09:48

@maria angela gobbi, Lei sostiene che le forze dell'ordine e la magistratura perseguono solo i militanti di destra, ma non quelli di sinistra. Stesso discorso lo fa per i controllori dei mezzi pubblici (che anche loro sono pubblici ufficiali), che controllerebbero solo gli italiani, e non gli extracomunitari. Si rende conto della gravità delle sue affermazioni?? Se non fornisce prove concrete di quello che dice, fa delle affermazioni gratuite, che offendono la magistratura e le forze dell’ordine che, fino a prova contraria, sono tenute ad applicare la legge (che, per la magistratura, costituisce perfino un principio costituzionale, compresa l’obbligatorietà dell’azione penale ex art. 112 Cost.). Non è affatto come lei dice, conosco un mucchio di procedimenti penali a carico di estremisti di sinistra, e di controllori finiti in ospedale perché hanno chiesto il biglietto ad extracomunitari.

maria angela gobbi

Gio, 01/02/2018 - 13:20

. o pensiero liberissimo!!!! ecco cosa dici TU: Non è affatto come lei dice, conosco un mucchio di controllori finiti in ospedale perché hanno chiesto il biglietto ad extracomunitari. Sei IRONICO o strambo???

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 01/02/2018 - 13:53

"L'ipotesi di reato attribuita a Gardin è la violazione dell'articolo 18 del Testo unico di pubblica sicurezza, una legge del 1926, che impone di chiedere l'autorizzazione prima di organizzare una manifestazione pubblica". Il testo è tratto da un vostro articolo di due giorni fa... Napoleone non c'entra nulla, il dott. Sallusti sta soltando facendo un po' di teatro.

@ollel63

Gio, 01/02/2018 - 14:34

va rifondata e messa in riga questa magistratura, in gran parte colma di individui di matrice sinistra -specie quella vecchia- e il restante sinistrato -mal ridotto- per grave incompetenza a ricoprire un tale ruolo condita da alterigia e arroganza -credendosi super eroi d'altro pianeta, intoccabili e onniscienti-.