Venezia, un don contro spose scollate: "Tassa se lʼabito è succinto"

La provocazione di don Cristiano Bobbo, parroco di Mira, alle porte di Venezia stanco di vedere spose arrivare all'altare vestite in modo inadatto

Don Cristiano Bobbo, parroco di Mira, alle porte di Venezia non ci sta e dice basta alla spose che si presentano all'altare troppo scollate. Il prelato ha così scritto una missiva ai suoi parrocchiani, riflettendo su quelle futuri mogli "che molto spesso si presentano sguaiate e volgari, inadatte alla circostanza". Non solo, Bobbo ha anche pensato a una provocazione: l'introduzione di una tassa sulla sposa.

La provocazione del don

"Chi più si presenta svestita più paga": è lo slogan lanciato dal don. Bobbo ha giustificato la sua provocazione raccontando la storia di un paese nel quale il parroco riceveva un'offerta proporzionata alla bellezza della sposa. Il parroco di Mira scrive: "Fatte le debite proporzioni la potremmo adottare anche noi sacerdoti istituendo una sorta di offerta da riscuotere in proporzione alla decenza dell'abito della sposa che molto spesso si presenta sguaiato e volgare, inadatto alla circostanza. Così, chi più si presenta svestita, più paga".

A Il Gazzettino però precisa: "È stata solo una provocazione scherzosa che, come molte altre riflessioni, nasce da fatti che accadono spesso nella vita di parrocchia. In questo caso è stata suscitata dalla considerazione che le nozze spesso sono considerate più un evento che una scelta maturata e condivisa. Certi dettagli non vanno sottovalutati".

Commenti
Ritratto di pensionato.stufo

pensionato.stufo

Mar, 04/09/2018 - 11:04

Pienamente d'accordo con il parroco.

Ritratto di tangarone

tangarone

Mar, 04/09/2018 - 11:14

Alla fine, per la Chiesa, qualsiasi morale è solo questione di soldi. il Dio denaro

Ritratto di moshe

moshe

Mar, 04/09/2018 - 11:19

evviva la serietà! non sarebbe bastato dire che se si è troppo scollate non si viene accettate?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 04/09/2018 - 11:35

"senza denari non si cantano messe" è il "dogma" dei preti di ogni ordine e grado!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 04/09/2018 - 11:51

Dette da un ministro del credo sono: parole sante. Effettivamente qualcuno crede che il matrimonio sia l'atto ufficiale per acquisire il patrimonio ovvero sposato lo sposo gabbato il fesso; basta vedere come finiscono certi esaltanti matrimoni dove due individui, che non si erano mai conosciuti fino al giorno prima delle pubblicazioni, arrivati all'abitazione coniugale si azzuffano come due mastini.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 04/09/2018 - 11:52

Se l'officiante si chiama don Cristiano perlomeno la sposa sia puritana.

Zizzigo

Mar, 04/09/2018 - 12:34

La chiesa delle mille facce e dei mille credo...