Venezia, scontro tra vaporetto e gondola: morto un turista tedesco

Padre e figlia sono finiti in acqua. Ferita la bimba di appena 3 anni, niente da fare per il 50enne

Incidente a Venezia: un vaporetto dell’Actv, l’azienda trasporti veneziana, ha perso il controllo per una manovra errata e travolto e spezzato in due una gondola con turisti tedeschi a bordo.

Un uomo e sua figlia sono stati ripescati semisvenuti in canale, all'altezza di Rialto, e sono stati temporaneamente rianimati. La piccola - appena 3 anni - è rimasta ferita gravemente. Niente da fare per il 50enne, rimasto schiacciato tra le imbarcazioni mentre cercava di fare da scudo ai figli. Illesi gli altri passeggeri della gondola (la moglie della vittima, altri due figli e il gondoliere), nonostante anche loro siano finiti in acqua.

Commenti

john damony

Sab, 17/08/2013 - 21:33

Questo succede perché a Venezia se ne sbattono altamente i cosiddetti ! Dai controlli quasi inesistenti ai piloti di vaporetti e taxi che non hanno rispetto ne per i limiti ne per la città e le imbarcazioni tradizionali, è un miracolo che non sia accaduto altre volte ! E il sindaco parla di fatalità, ma svegliati Orsoni !!! A Venezia ci vivi o cosa ? Vogliamo parlare del moto ondoso ? Cosa stiamo aspettando che crolli il primo palazzo in Canal Grande ? Andate a pascolare con le pecore ... Campagnoli !!!

john damony

Sab, 17/08/2013 - 23:30

Giunta sinistroide degradata succube e degna dell'arroganza ignorante di un popolo che delle glorie che furono vanta solo il ricordo, al posto del leone di San Marco metteteci un pollo fritto con patate !

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Dom, 18/08/2013 - 08:42

Sono stato a Venezia, casualmente e per la prima ed ultima volta, nel 1985 e per un lasso di tempo di poco più di due ore. Turlupinato da un vaporetto abusivo che a prezzi esosi ci trasportò a piazza S.Marco in modo avventuroso e pieno di pericoli, guadagnando l'attracco a gomitate e contro l'ostruzionismo delle altre imbarcazioni, mi fu immediatamente chiaro che avrei fatto una croce su questa città. Che sarà certamente unica per le sue caratteristiche ma altrettanto unicamente invivibile per come viene presentata e gestita. Accetto ogni genere di reprimenda od insulto, capisco la sua grande storia, ma, in tutta sincerità, se affondasse nella laguna non sarei disperato. Sarebbe, anzi, una fine gloriosa che la renderebbe immortale, come e molto più del Titanic. Potrei essere in torto, però. Saluti

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 18/08/2013 - 10:47

quello italiano è un popolo allo sbando perduto per sempre destinato a sciogliersi e diluirsi in mezzo agli altri popoli che stanno invadendo l'Italia, tra due anni vi sarà in parlamento il primo partito islamico ed omosessuale che inizierà a cancellare il popolo italiano debole e immorale arresosi senza combattere perchè vigliacco e opportunista.

Ritratto di Tora

Tora

Dom, 18/08/2013 - 12:19

Non è una fatalità, troppo comodo lavarsene le mani alzando gli occhi al cielo e allargando le braccia...come troppi italiani, senza spina dorsale, fanno. Questo è il risultato della dabbenaggine, della cialtroneria, dell'approssimazione con la quale si affrontano le cose nel "bel" paese. Una morte così stupida e allo stesso tempo tragica, da colpire al cuore. Io nel vedere le immagini mi sono commosso...una bella famiglia felice di trascorre le vacane nell'incanto di Venezia...travolta a bordo della gondola simbolo di serenità e romanticismo, da un'ammasso ferroso guidato da un idiota che ha brutalmente interrotto quell'incanto. La massa

Mario-64

Dom, 18/08/2013 - 13:47

Fantastici i commenti precedenti ,da scompisciarsi. Un incidente che potrebbe succedere dovunque ,un errore ,e giu' insulti su Venezia ,sull'Italia e sul popolo italiano. Uno si augura che Venezia sprofondi...ma perche' non sprofondate voi??????

franco@Trier -DE

Lun, 19/08/2013 - 10:06

certo ovunque ma non cosi spesso come in Italia, senza contare che se un turista deve andare in ospedale per una emergenza può rischiare di morire in Italia.Treni, gondole, navi come la Concordia ecc.