Viareggio, aggredito e umiliato in strada. L'uomo delle bolle commuove il web

Boris Egorov, conosciuto da tutti come l'uomo delle bolle. Purtroppo un commerciante infastidito dalla sua presenza dopo averlo insultato l'ha bagnato con il tubo dell'acqua. Il web si è subito mobilitato per punire il gesto violento

"Ti spacco la testa". E poi: "Ma ti devo massacrare?". Così si è rivolto un commerciante di Viareggia a Boris Egorov, conosciuto da tutti come l'uomo delle bolle, che lungo la passeggiata di Viareggio con le sue bolle di sapone strappava sorrisi e risate a tutti i bambini e ai loro genitori.

Parole violenti, ripetute più volte e seguite da un gesto che ha indignato subito il mondo dei social network. L'uomo ha preso un tubo e ha innaffiato Boris, clochard e artista di strada a Viareggio. In un video si vedono i momenti dell'aggressione. La registrazione è apparsa su Facebook, pubblicata su Facebook da Victor Musetti. In poche ore è divetata virale, provocando la reazione della città e degli utenti.

Progonista di questa vicenda è Oreste Bergamini, titolare del negozio davanti al quale ieri Boris Egorov stava esibendosi nella creazione delle sue bolle di sapone. L'uomo è tato ricevuto questa mattina dal sindaco Giorgio Del Ghingaro che in Consiglio comunale aveva annunciato l’intenzione di incontrare sia lui che Egorov. "Abbiamo sbagliato, siamo intenzionati a chiedere scusa e a chiudere questa vicenda davvero brutta". Con queste parole si scusato dell'accaduto. Ma intanto sul web preparano flash mob ed eventi in favore di Egorov. Tra questi: "Fare le bolle di sapone in viale regina Margherita a Viareggio". Iniziative non violenti che vogliono far sorridere ma allo stesso tempo sensibilizzare le persone e dare un aiuto al clochard più amato di Viareggio. E ora dal web.

Commenti

Beaufou

Ven, 22/04/2016 - 17:29

Rachele, il plurale femminile di "violento" è "violente": parole, iniziative violente, Rachele, non "violenti". Rischia di fare la figura dell'analfabeta, pensi prima di scrivere...Ahahah.

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Ven, 22/04/2016 - 17:41

Uno così rompe le b@lle come quei cingalesi o chi per loro che irrorano con le pistolette, a Roma in Piazza Fontana di Trevi, bolle di sapone che umidificano tutta la strada oltre che infastidire tutti. Scene patetiche quando poi arrivano i vigili urbani. Gli ridono in faccia e si allontanano.

ziobeppe1951

Ven, 22/04/2016 - 19:38

Sono talmente commosso che stanotte farò fatica a prendere sonno

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 22/04/2016 - 20:46

Chissa` che pseudonimo sul Giornale usa il cafone violento?

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 22/04/2016 - 22:42

E chissa` che pseudonimo usa il cafone violento sul Giornale ?

leserin

Ven, 22/04/2016 - 23:31

Se è ammessa la presenza dell'artista di strada, ma per qualche motivo la sua attività può arrecare qualche fastidio, una persona civile può chiedergli di spostarsi o coinvolgere il Comune affinchè gli venga assegnato un posto più adatto senza bisogno di aggredire né di insultare.

redy_t

Sab, 23/04/2016 - 00:40

@pravda99: per me usa lo pseudonimo "pravda99"

Gerberto

Sab, 23/04/2016 - 09:02

Lo ho visto varie volte, si tratta di una persona mite ed innocua, che fa esibizioni divertenti. E' un tipo con una storia alle spalle, faceva il medico in Russia, perse il lavoro per il dopo-Gorbaciov e si e' ridotto a vivacchiare in Italia, sempre con correttezza.Il soggetto con la sistola non e' il padrone del negozio, ma un dipendente, non si capisce bene di chi sia stata l'idea. Forti con i deboli, deboli con i forti (del resto, lo Stato italiano insegna); con un senegalese di 2 metri x 100 kg il bravo ragazzo sarebbe stato piu' calmo.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)