Viareggio, preso il marocchino che ha aggredito un poliziotto

Preso il pusher marocchino che ha spaccato la testa a un poliziotto in borghese a Viareggio. Salvini: "I delinquenti a casa a calci"

È stato fermato stamattina dalla polizia di Lucca il pusher marocchino che la sera del 6 febbraio scorso ha aggredito e ferito gravemente alla testa a Viareggio un agente, il 28nne Aniello Fierro, che effettuava controlli anti spaccio alla pinete di Ponente della Versilia. Il 20enne straniero - irregolare, senza fissa dimora e con precedenti - dovrà ora rispondere di tentato omicidio.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la sera dell'aggressione Mustapha Rami - questo il nome del clandestino - era a spacciare nella pineta viareggina con altri connazionali. Come racconta l'agenzia Adnkronos, sentendosi braccato il ventenne ha impugnato un corpo contundente (una grossa pietra o un mattone) e ha colpito il giovane poliziotto, appostato tra la vegetazione. L'agente è stato portato in ospedale con trauma cranico, forte emorragia e una grave frattura dell'osso frontale e solo da poche ore è stato dichiarato fuori pericolo.

Già il 20 dicembre scorso, tra l'altro, Rami fu fermato e identificato nella piazza di spaccio dagli uomini della squadra mobile. Ma allora riuscì a disfarsi di 100 grammi di hashish prima del controllo. Ieri sera però sono stati acquisiti ulteriori elementi a suo carico e questa mattina è scattato il fermo per il pericolo di fuga, trattandosi di uno spacciatore "privo di fissa dimora, di legami famigliari ed interessi lavorativi nel territorio nazionale". Ora è in carcere in attesa dell'udienza di convalida che si terrà nei prossimi giorni al tribunale di Lucca.

Dalla parte del poliziotto aggredito si è schierato oggi pure Matteo Salvini: "sprimiamo la nostra vicinanza al poliziotto ferito e ribadiamo il nostro impegno a rispedire a casa a calci i delinquenti", ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno commentando il caso.

Commenti

baronemanfredri...

Sab, 09/02/2019 - 18:59

SI MUOVERANNO ORGANIZZAZIONI ITALIANE COOP ARCI ANPI PD CARITAS CEI IL SIG. BASSETTI IL SIG. PEREGO CHE CHIEDERANNO IL PERDONO E MAGISTRATURA DEMOCRATICA CHE CHIEDERA' LA NON APPLICAZIONE DELLA LEGGE SALVINI COME DIMENTICARCI DEL SOLITO MAGISTRATO O MAGISTRATA DI TURNO CHE LO MANDA LIBERISSIMO. RAGAZZI SPARATE A QUESTI BASTARDI NELLE GAMBE NELLE GAMBE

maurizio50

Sab, 09/02/2019 - 19:22

Anche questo subito libero?? Se si chiama Mustafà o Mohammed sì; se si chiama Giuseppe o Battista NO!. Giustizia filo terzo mondista!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 09/02/2019 - 19:31

Gia scarcerato?

Ritratto di Lissa

Lissa

Sab, 09/02/2019 - 19:39

Altro che calci, gli sparerei senza se e senza ma.

Marcolux

Sab, 09/02/2019 - 19:43

Questa volta non sono d'accordo con Salvini. Non vanno mandati via a calci. Vanno soppressi a calci!

HARIES

Sab, 09/02/2019 - 20:12

I delinquenti a casa a calci... davanti!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 09/02/2019 - 20:21

A CASA SUA A NUOTO CON PIETRA AL COLLO.

Ritratto di pascariello

pascariello

Sab, 09/02/2019 - 20:58

Speriamo che non capiti un altro giudice che sentenzi che "non avendo altri cespiti ha diritto di spacciare per vivere"; io non afferro il senso di idiozie del genere; lo spacciatore è un ASSASSINO, come tale andrebbe trattato come dice il presidente filippino DUTERTE, giustiziato sul posto !

Romalupacchiotto

Sab, 09/02/2019 - 21:49

Sempre polizia americana , romena ,australiana invoco , ci sarebbe una pulizia nelle strade.......

Fjr

Sab, 09/02/2019 - 22:20

Ok quindi solito buffetto sulla guancia seguito da un non farlo più?

Giorgio5819

Dom, 10/02/2019 - 09:28

E' ora di organizzare dei rastrellamenti seri e mirati, ci sono realtà inacettabili, categorie enticamente votate alla delinquenza e abituate a sentirsi imprendibili... l'Italia deve riprendere la sovranità in casa propria, e in fretta.

corivorivo

Dom, 10/02/2019 - 09:41

ma ci sono da provare le pistole taser. o mi sbaglio?

titina

Gio, 14/02/2019 - 15:43

E Strada che dice?