Vicenza, espulso albanese pericoloso: lunghissima serie di reati

Tante le denunce collezionate dallo straniero, considerato socialmente pericoloso e spesso affidato a strutture protette. Oltre a girare nudo per strada, ai maltrattamenti perpetrati nei confronti della moglie ed alle liti scoppiate con vicini e sconosciuti incontrati al bar, anche una doccia all'interno del reparto di pediatria dell'ospedale San Bassiano

È stato finalmente espulso dal territorio nazionale un cittadino albanese residente a Valbrenta (Vicenza), noto alle forze dell'ordine per essersi reso responsabile di innumerevoli disordini ed episodi violenti.

A fare ritorno in patria, nella giornata di ieri, è il 59enne Hoxha Edmond, che durante il suo soggiorno in Italia è riuscito a collezionare una lunga serie di reati. Oltre ad innumerevoli diverbi, spesso sfociati in violente liti, con i vicini di casa e gli avventori incontrati all'interno di alcuni locali, l'albanese si è reso protagonista anche di violenze commesse nei confronti della consorte. Risale allo scorso mese di marzo, infatti, la denuncia di Hoxha Barbuque, moglie e connazionale del 59enne, che ha raccontato agli inquirenti di essere stata a lungo minacciata e maltrattata dal marito.

Le intemperanze di Hoxha, tuttavia, non finiscono qui. In almeno un'occasione, l'albanese è stato infatti visto girare nudo per strada, causando problemi di ordine pubblico. Non solo. Durante uno dei suoi vagabondaggi, il 59enne decise addirittura di farsi una doccia, approfittando di uno dei bagni messi a disposizione dei piccoli pazienti del reparto di pediatria dell'ospedale San Bassiano di Bassano del Grappa (Vicenza).

Nonostante l'elevato numero di reati, a convincere gli inquirenti della necessità di intervenire con un decreto di espulsione è stato il comportamento del soggetto, definito come eccessivo e pericoloso.

Mercoledì mattina, come disposto dal provvedimento emesso dal commissariato di Pubblica sicurezza di Bassano del Grappa, i carabinieri del comando di Solagna sono entrati in azione. Grazie al prezioso contributo degli agenti della polizia di Stato, i militari sono riusciti a rintracciare Hoxha alla stazione ferroviaria. L'uomo stava facendo ritorno da Milano.

Condotto in caserma, il 59enne è stato trattenuto fino al primo pomeriggio di ieri quando, concluse le pratiche di rito, è stato imbarcato su un volo diretto in Albania, che è decollato alle 14.55.