Vicenza, scopre due buoni del Tesoro in un album di fotografie: valgono 70mila euro

A Vicenza, una signora insieme al padre di 96 anni ha trovato in casa, in un cassetto un vecchio album di fotografie: dentro una sorpresa da 70mila euro

A volte in qualche cassetto potrebbe nascondersi la ricchezza. A Vicenza, una signora insieme al padre di 96 anni ha trovato in casa, proprio in un cassetto un vecchio album di fotografie. Quando lo hanno aperto, seduti sul divano, tra le foto sono spuntati due buoni fruttiferi postali del 1975. Valore: un milione di lire l'uno. Dopo l'iniziale stupore, la donna e il padre hanno fatto valutare in euro i due buoni fruttiferi. Di fatto ciascun tagliando adesso vale circa 35 mila euro, per un totale di 70mila euro. La signora, ha fatto subito le valigie, e col primo treno è andata a Roma, proprio dove i buoni erano stati acquistati.

Giusta all'ufficio postale, l'impiegato le ha spiegato la situazione. I buoni erano scaduti, ergo non potevano essere convertiti in denaro. Dopo un primo momento di smarrimento e di delusione, la donna ha subito chiesto una consulenza ad Agitalia, l'associazione che si occupa del recupero dei titoli bancari, postali e di quelli di Stato. Dopo una breve consultazione l'associazione ha spiegato alla signora che i buoni cadono in prescrizione, come prevede la legge, non dopo 30 anni, ma dopo 40. Così la donna ha potuto convertire i buoni in denaro. Parte della cifra, come lei stessa ha affermato, sarà devoluta in beneficenza. Ma di certo se quel cassetto fosse stato aperto nel 2016 i buoni sarebbero stati del tutto inutili.