Violenza a Bergamo, carabiniere: "La voce spezzata dal pianto"

Il maresciallo che ha aiutato l'operatrice racconta il dramma al centro profughi

Trentadue anni, da sei nell'Arma, il maresciallo ordinario Annalisa Manfreda è stata tra le prime a occuparsi dell'operatrice del centro per i rifugiati di Fontanella, nella Bergamasca, dopo la violenza da parte di un migrante ventenne.

A lei la 26enne ha raccontato quanto successo quando il giovane della Sierra Leone le è saltato addosso, cercando di baciarla e stringendole le mani al collo, fino a farla svenire, mentre lei chiedeva aiuto. A salvarla sono stati altri due ospiti del centro, che hanno sfondato la porta e fermato il ragazzo.

"È stato molto doloroso per lei - racconta il maresciallo a Il Giorno - abbiamo cercato di tranquillizzarla e poi poco alla volta ha cominciato a parlare. Un racconto sofferto, interrotto da pianti. Ci siamo lasciate con un forte abbraccio: ci vorrà del tempo perché riesca a dimenticare e lo dico da donna oltre che da rappresentante delle forze dell’ordine".

"Pensavo che mi avrebbe uccisa", ha raccontato l'operatrice, che è in prognosi riservata per trenta giorni, con i parenti a proteggerla.

Commenti

ORCHIDEABLU

Ven, 22/09/2017 - 13:00

UN FOLLE E FORSE DROGATO OPPURE AFFAMATO.