Una della vittime di "Igor il russo". "Bastonato e lasciato in un lago di sangue"

Una della vittime ha raccontato la spietata aggressione subita dalla banda guidata da Igor il russo, il killer di Budrio

Alessandro Colombani è ancora scosso dopo l'aggressione subita nel 2015 da parte della banda del killer di Budrio. La gang guidata da "Igor il russo" composta da altre due persone - ora condannate all'ergastolo - ha pestato a sangue Colombani e lo ha poi derubato.

"Mi hanno lasciato in una pozza di sangue"

La voce trema, la mano destra quella usata per proteggersi dai colpi di bastone non si chiuderà mai più. I colpi l'hanno lesionata irremediabilmente. Ai microfoni di CorriereTv racconta quella terribile nottata: "Era sabato, avevo appena posteggiato l'auto in garage quando ho avvertito la prima bastonata in testa" spiega la vittima. "Loro continuavano a bastonare, senza pietà e senza dire una parola". L'unica cosa che Colombani è abbassare la testa, proteggersi il capo con le mani e chiedere aiuto.

Ma non è servito: "Mi hanno imbavagliato, legato mani e piedi e hanno guardato quello che avevo in tasca. Hanno preso il bancomat". Poi i malviventi hanno preteso il codice del banca, e lo hanno abbandonato. "Mi hanno lasciato in una pozza di sangue, stavo affongando per colpa del bavaglio. Io sono strisciato in garage per strapparmelo via e poi mi sono liberato". Colombani è la prima vittima di quell'estate di violenza, ne seguiranno altre 3.

n

Commenti

killkoms

Lun, 10/04/2017 - 22:58

criminali in terra rossa!