Voleva un posto fisso: si impicca davanti al Comune

Un 49enne si impicca davanti al municipio di Terricciola. Poco prima si era sfogato col sindaco a cui aveva raccontato le proprie difficoltà: voleva il posto fisso

Tragedia nel Pisano. Un uomo di 49 anni si è tolto la vita impiccandosi davanti al municipio di Terricciola. Secondo una prima ricostruzione l'uomo, che da un po' di tempo lavorava per il Comune con un contratto precario, avrebbe deciso di farla finita perché non aveva un contratto a tempo indeterminato.

L'uomo, che lascia a casa due bambini, era stato licenziato, lo scorso marzo, dall’azienda dove lavorava come imbianchino. Adesso aveva un contratto a progetto per il Comune, come spazzino del centro storico. Si è tolto la vita nel giardino tra la strada e l’ingresso del Comune di Terricciola, vicino a una tensostruttura. Il cadavere è stato scoperto, solo dopo diverse ore, da una pattuglia dei carabinieri, che conoscevano l’uomo. Poco prima di togliersi la vita, si era sfogato con il sindaco, Maria Antonietta Fais, alla quale aveva raccontato tutte le proprie difficoltà: voleva un posto fisso.

Commenti
Ritratto di KumKum

KumKum

Dom, 29/07/2012 - 13:46

La crisi porta disperazione e morte: Monti dice che fa parte della vita. D'Ambrosio muore di infarto, così si dice, e tutti si commuovono e danno la colpa ai dispiaceri che gli hanno dato.