Il volto di Totò Riina svelato in una nuova fotografia

Una nuova immagine del "capo dei capi" di Cosa Nostra diffusa durante Quarto Grado

Totò Riina nella fotografia diffusa da Quarto Grado

Sono passati più di vent'anni da quanto Totò Riina fu arrestato. Il capo della cosca di Corleone oggi è in carcere e di lui, come è ai giorni nostri non erano disponibili molte fotografie, fino a che un nuovo scatto che lo ritrae è stato diffuso ieri sera.

La nuova fotografia del "capo dei capi" è stata mandata in onda durante Quarto grado in esclusiva e mostra il boss di Cosa Nostra molto invecchiato.

Riina fu fermato il quindici gennaio 1993 sulla circonvallazione di Palermo, in via Bernini, insieme al suo autista Salvatore Biondino. Per alcuni anni aveva trascorso la sua latitanza in casa sua, insieme alla moglie Antonietta Bagarella e ai quattro figli, di recente tornati nella cronaca per un "inchino" della processione di San Giovanni Evangelista.

Il boss, rendendo dichiarazioni spontanee sulla trattativa tra Stato e mafia, si è lamentato di recente di un "abbandono", sostenendo di non essere stato nemmeno avvertito dell'udienza dello scorso 27 maggio. Un'accusa a cui il Presidente della Corte d'Assise ha replicato ricordandogli che aveva "firmato la rinuncia" ad assistere in videocollegamento.

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 11/06/2016 - 12:23

Scusate la mia ignoranza ma io il senso di questo articolo non lo ho capito.

Tuthankamon

Sab, 11/06/2016 - 14:59

Quest'uomo (non sono sicuro di poterlo classificare tale, certamente NON E' D'ONORE) è l'espressione di una società malata! Prima sparirà dalla storia insieme ai suoi "eredi" meglio sarà!

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 11/06/2016 - 18:07

Purtroppo, Tuthankamon, parafrasando Gesù, chi si sente d'essere UOMO D'ONORE, scagli la prima pietra. Il fatto è che non conosciamo la sua versione dei fatti. Ci vorrebbe un'altra NOTTE DELLA REPUBBLICA di SERGIO ZAVOLI, per sapere esattamente 'come sono andate le cose'. ---- In effetti, #Marino Birocco#, quest'articolo è molto sospetto. Come se qualcuno avesse gettato un sasso nello stagno. - -riproduzione riservata- 18,08 - 11.6.2016

Rombo.Di.Tuono

Sab, 11/06/2016 - 18:49

Mi piacerebbe sottolineare come la nostra intera galassia sia troppo piccola per contenere la vastità del caxxo che me ne frega.

Gianni Barbero

Sab, 11/06/2016 - 18:58

Questo ometto dall'aria dimessa,semianalfabeta,è riuscito a sfuggire per 24 anni alla cattura. Durante questi 24anni ha amministrato un esercito di 8mila picciotti,miliardi di proventi illeciti,si è sposato in Chiesa,ha avuto 4 figli,il tutto restando sempre a Palermo e dintorni. Ormai attraverso i pentiti si sa tutto di questo autentico "genio del male",così diverso da Marlon Brando nel film "Il Padrino",tanto che agli americani la realtà è sembrata talmente modesta da non meritare nemmeno che si facesse un film sulla sua vita.

Tuthankamon

Dom, 12/06/2016 - 15:18

Dario Maggiulli Sab, 11/06/2016 - 18:07 ... Mi spiace, ma a persone come Riina e simili non concedo "l'onore" del dubbio o delle armi. Dal punto di vista storico, l'individuazione dei legami con la finanza e con la politica possono essere approfondite. Ma "le mafie" restano un espressione del male, materiale e spirituale. L'indagine scientifica ha altri scopi. "Come sono andate le cose" ... non può in alcun caso concedere a chi ha fatto del male a questo livello di chiunque si tratti. "Quarto grado" o "Porta a porta" possono solo aggiungere all'informazione sugli orrori facendo il loro lavoro.