Yara, parla il testimone: "Ho conosciuto il suo fidanzato rumeno"

Una donna anziana ha raccontato aver conosciuto un uomo romeno che parlava della ragazza come della sua fidanzata

Una nuova testimonianza spunta sul caso Yara, la ragazzina uccisa Brembate. Una donna anziana ha raccontato al settimanale Giallo di aver conosciuto un uomo romeno che parlava della ragazza come della sua fidanzata. "Nel 2010 riconobbi un uomo romeno, Ion Liviu, al quale stavo per affittare una casa. Quando entrammo un po’ in confidenza mi disse che era fidanzato con una ginnasta minorenne di Brembate. Si chiamava Yara".

La donna descrive l'uomo come un bravo ragazzo, sostenendo però che non si fidava molto dei suoi amici: "Ricordo – continua Vilma Cuttini – che pochi giorni prima della morte della ragazzina mi disse che sarebbe partito per la Romania dall’aeroporto bergamasco di Orio al Serio e che lungo la strada si sarebbe fermato a Brembate a salutare la sua fidanzata". La donna dopo la diffusione della notizia sui giornali ha pensato che la Yara di cui parlava il romeno fosse la stessa che era stata uccisa.
Ma le testimonianze smentiscono la donna: "Attraverso l’analisi delle celle telefoniche, è emerso che Liviu non è mai stato a Brembate nel periodo in cui fu aggredita Yara. Dalle perizie inoltre si è scoperto che il giorno del delitto, poco dopo le 13, Liviu si è messo in contatto con Damiana S., oggi 28enne, con la quale aveva da tempo una relazione".

Commenti

Raoul Pontalti

Sab, 14/03/2015 - 18:37

Testimonianza farlocca che più farlocca non si può dovuta all'arteriosclerosi di una vecchietta che ha le orecchie e la stessa mente guastate dal disturbo vascolare. In ogni caso è già stato rintracciato il ragazzo romeno così come il suo datore di lavoro italiano e anche la sua fidanzata e dall'esame delle rispettive posizioni è emerso che le vecchiette è meglio che stiano in casa di riposo a riposare appunto e non vadano in giro a fare strampalate esternazioni.

killkoms

Sab, 14/03/2015 - 18:56

ne avrei piene le scatole del "fango postumo" che stanno buttando addosso ad una ragazzina assassinata..!

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 14/03/2015 - 19:43

Ho visto in video la testimonianza di questa anziana donna, è cosa che è conosciuta da tempo. Non so quanto possa essere vera la sua storia, da quello che ho sentito lei ci crede, ne è convinta. Il fatto che abiti in Liguria e il romeno stava in quei luoghi ed era suo affittuario rende la sua storia più credibile di quella dell’altra testimone che dice di avere visto Yara e Bossetti assieme dopo oltre 4 anni e 3 mesi. Gli inquirenti hanno indagato e dicono che l’imprenditore del romeno afferma la sua innocenza che altri fatti oggettivi contraddicono la donna. La cosa può essere benissimo. Tuttavia sentire dire che le celle telefoniche indicano il romeno incolpevole è cosa da ridere. La SIM non ce l’aveva di sicuro sotto la pelle. Il suo telefonino poteva essere stato affidato ad altra persona mentre lui era a Brembate. In ogni caso lascerei stare tale testimonianza ballerina, al pari dell’altra dell’accusa.

Ritratto di Japiro

Japiro

Sab, 14/03/2015 - 22:02

@stock47... la testimone dell'accusa ha un minimo di fondamento almeno per quanto riguarda il Bossetti, avendo dichiarato che dopo il primo incontro al parcheggio, lo ha incontrato di nuovo in un supermercato, e guarda caso è lo stesso supermercato dove andava il Bossetti a comprare il pranzo, e...coincidenza nella coincidenza in quello stesso supermercato vi si è recata anche la Yara insieme alla zia!!! Nessuno aveva mai parlato del supermercato ecco il motivo perché la procura ritiene attendibile la teste...

roberto zanella

Sab, 14/03/2015 - 22:41

...ma non capisco ...se c'è una testimonianza che , si fa per dire , può cercare di fare capire cosa successe e magari aiuti il Bossetti , ecco qui lo strale dei colpevolesti che non conoscono una mazza di cosa è avvenuto se non per i servizi di parte dei vari inviati dei TG Mediaset.....

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 15/03/2015 - 00:52

Japiro, da 4 anni a questa parte vedo la faccia del Bossetti e di Yara dappertutto, e non sono di Brembate. Mi sembra d'averli visti dappertutto, sui bus, in metro, al bar, negli uffici, perfino tra i politici. E' un impressione visiva dovuta ad esposizione d'immagini. Immagino che i mitomani non manchino, soprattutto tra quelli dell'accusa e tale testimone ci viene a parlare d'incontri con Bossetti a distanza di anni? Dopo sovraesposizione mediatica? Al supermercato chissà quante volte m'incrocio, senza accorgermene, con gente che conosco, che conoscevo o conoscerò, vuoi che non accada in un piccolo centro cittadino ciò che accade nelle grandi città? Tesi ridicola la tua. La testimone di Bossetti, viceversa, parla di una persona che viveva da lei, che gli ha raccontato una precisa storia su Yara, prima che i fatti avvenissero e solo a cose fatte è uscita fuori, e non adesso ma anni fa, ma non gli hanno dato retta.

pilandi

Dom, 15/03/2015 - 01:11

corretto Raoul Pontalt infatti ci dovrebbero stare anche i vecchietti, invece purtroppo qui stanno in parlamento...

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 15/03/2015 - 01:19

Japiro, leggiti il fatto, visto che ti interessa sapere di testimonianze, la testimonianza in questione è nell'immediatezza dei fatti dell'epoca e non a scoppio ritardato, come per la testimone dell'accusa, questa si fortemente sospetta, inoltre il rumeno indicato ha fatto dei lavoretti di muratura a casa Gambirasio, Yara la conosceva veramente: http://ilgarantista.it/2015/01/17/ce-una-testimone-che-scagiona-bossetti/ https://colonnainfame2014.wordpress.com/2015/01/26/ce-una-testimone-che-scagiona-bossetti/

Palermitano

Dom, 15/03/2015 - 02:33

avete dato spazio ad una falsa testimonianza e gettato fango sulla vittima yara e su un povero rumeno che nemmeno era mai stato a brembate in quel periodo! vergogna! l'ordine dei giornalisti dovrebbe punire severamente certi giornalisti!

Palermitano

Dom, 15/03/2015 - 02:35

pur di andare contro gli immigrati riportate false testimonianze gettando fango sulla vittima e su un rumeno! vergogna! vergogna! ordine dei giornali batti un colpo e punisci certi giornalisti!

volo_basso

Dom, 15/03/2015 - 03:57

Tutto e' possibile. Essere in possesso di un telefonino, non significa semplicemente transitare sotto alcuni ripetitori di segnale. Spegnendolo, non e' abbastanza e lo sanno tutti , ma togliendone la batteria non risulta il passaggio tra cellule e altre. Solamente gli stolti non sanno di essere intercettati anche col semplice buona notte al partner. Questo vale per Bossetti, Liviu e coloro che han qualche cosa da nascondere. Chiaro e', che se Bossetti fosse il vero colpevole sarebbe già' a marcire , ma con tutte le "prove" in possesso non ve ne e' una che lo inchiodi. O almeno e' quello che ci fanno credere. Ed ogni giorno si hanno notizie su nuove tracce lasciate . Pure a me Bossetti non piace, ma non e' che sia dovuto a come e' stato descritto ?

Dordolio

Dom, 15/03/2015 - 07:31

Quel che "mi piace" di questa inchiesta è lo "scegliere fior da fiore". Una qualsiasi storia che incastri potenzialmente il Bossetti è prova, se invece ne alleggerisce la posizione è fuffa. Una donna che a distanza di anni ricorda un volto e una situazione casuali (ahahah) ha peso, un'altra che racconta una circostanza di una certa credibilità viene invece scartata dopo accertamenti superficiali. La faccenda delle celle telefoniche è risibile. Il mercato e il traffico di SIM tra i diversamente italiani poi è incredibile. Ve ne sono in circolazione in quantità con utilizzatori diversi dagli intestatari (che ignorano di esserlo). Basta seguire le cronache locali (legate a certi phone center...).

Dordolio

Dom, 15/03/2015 - 07:40

Sempre per rimanere su queso affascinante tormentone, solo Stock mi sembra che affronti (a qualsiasi livello, anche giornalistico!) una questione fondamentale. Ma come avrebbe fatto il Bossetti NELLA PRATICA a portare a termine il suo crimine? Qui si incartano tutti. Perchè Yara doveva salire sul suo furgone se non si conoscevano? La zona era frequentata, e di fronte ad un'edicola. I tempi ristrettissimi. Come poteva tenerla ferma, lui piccolino e lei atleta agile (come da foto). E guidare contemporaneamente il furgone? Questo solo per iniziare... Manca almeno UN complice. Ma la cosa non interessa a nessuno perchè così cadrebbe il movente sessuale...

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 15/03/2015 - 07:53

la smettano tutti di raccontare storie; alfano fin dal giorno dell' arresto ha detto che il colpevole era stato arrestato: ora non resta altro che, costi quel che costi, venga condannato1

Dordolio

Dom, 15/03/2015 - 09:18

Non so chi sia Stock, apprezzo la sua dedizione a questo caso, è convinto della innocenza di Bossetti (io no: critico i METODI che si usano contro di lui, è diverso...). Ma quel che riporta più sopra E' ENORME... Insomma: il rumeno di cui si accenna conosceva Yara perchè aveva lavorato a casa sua... e riporta alla proprietaria della sua casa una relazione con la stessa, che ne riferisce in epoca non sospetta...e gli inquirenti lasciano cadere la faccenda dopo un superficiale esame delle celle telefoniche? Ma sono/siamo impazziti tutti? Capisco la necessità impellente dello "scegliere il colpevole" (e Bossetti è perfetto), ma qui siamo proprio fuori come balconi...

bruna.amorosi

Dom, 15/03/2015 - 09:48

DA SOLA quella ragazzina non si è uccisa ma siccome la trasmissione l'ho vista anche io .una domanda quella signora lo ha invitato a tornare in ITALIA per un confronto ma il ragazzo ha risposto di no . PERCHE????????. poi le indaggini come vengono svolte in ITALIA meglio lasciare perdere . hanno deciso che un assassino cè e tanto basta . TANTO NON PAGHERA' NESSUNO solo un povero cristo che si fa anni di galera e poi ? neanche un scusi ,..schifezza dei magistrati .

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Dom, 15/03/2015 - 10:08

Lo sbirro botanico non se lo vuol fare un giretto in Romania?

bruna.amorosi

Dom, 15/03/2015 - 10:19

vedi stock47ai citato il fattaccio quotidiano e sembra che avvalori la tesi di dover almeno ascoltare quel ragazzo dato che ha mentito sul dire che NON CONOSCEVA QUELLA RAGAZZINA . però l'unica cosa sconveniente per te è che quelle signora anziana ma niente affatto rincoionita come si vuol far credere ha rilasciato la sua testimonianza nelle reti mediaset . ecco da questo momento non è più credibbile . già dovrebbero riconoscere i vostri magistrati di aver preso un abbaglio e dopo chi lo finanzierebbe più il fattaccio quotidiano? .

Raoul Pontalti

Dom, 15/03/2015 - 13:31

Buona questa! Un giovane tirato in ballo da una vecchia svampita ripiena di arteriosclerosi e di farmaci ansiolitici e antidepressivi dovrebbe sobbarcarsi l'onere di un viaggio costoso per urlare nelle orecche della vecchia che Bergamo e Brembate pari non sono...Il romeno lavora in Finlandia attualmente e dovrebbe interrompere il lavoro rinunciando al reddito e rischiando il licenziamento per le fisime di una portatrice di pannoloni? E' già stato sentito dagli inquirenti e tantum sufficit.

Raoul Pontalti

Dom, 15/03/2015 - 13:52

Un'altra perla dello scopritore delle cellule nucleari, dello studioso della lingua islamica meno bella della lingua cattolica, dell'anatomopatologo che non ha mai studiato anatomia e patologia e si inventa tanatocronologie inesistenti: lui vede la faccia del Bossetti da quattro anni...QUATTRO ANNI! Bossetti è stato incastrato nove mesi fa e arrestato e quindi alle cronache è noto dal giugno scorso ma Stock47 lo vede da 4 anni! Il visionario che in seduta spiritica vede l'autopsia di Yara e sentenzia morte alle ore 18/30 per graffio di gatta vede anche il volto di Bossetti con l'aureola di santità tre anni e mezzo prima della sua rivelazione al mondo. Ma di quali sostanze psicotrope fa uso quest'uomo?

Dordolio

Dom, 15/03/2015 - 15:20

Non so di quali sostanze psicotrope facciano uso terzi, Pontalti, so però di quali necessiteresti tu...

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 29/02/2016 - 11:23

azz..i rumenii