Zingaretti: "Lasciate libera la Salaria per i soccorsi"

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha chiesto ai cittadini di lasciar libero anche il WiFi per facilitare le comunicazione, mentre i centri trasfusionali saranno aperti di Roma e Rieti saranno aperti per tutto il giorno

“La situazione è drammatica, il centro di Amatrice non esiste più, è crollato". Sono state queste le prime parole del presidente della Regione Nicola Zingaretti a RaiNews24, appena giunto sul paese colpito dal sisma. "Sono in campo tutti: carabinieri, polizia, vigili del fuoco, Esercito, Anas, Astral. Da stanotte - ha proseguito - è attivo il dispositivo di soccorso con un punto di prima accoglienza sanitaria. Elicotteri e ambulanze stanno facendo la spola con gli ospedali di Rieti e Roma, dove sono stati portati già alcuni feriti. Intanto la protezione civile sta allestendo due tendopoli".

Dopo la riunione con il Ministro Graziano Delrio e il Capo dipartimento della protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio, il presidente Zingaretti è partito per effettuare un sopralluogo in elicottero nell'area interessata dal sisma di Accumuli per verificare l'entità dei danni e il coordinamento dei primi aiuti messo in campo. Nel frattempo il presidente ha chiesto a tutti i cittadini di tenere libera la Salaria per facilitare i soccorsi, mentre la Direzione Regionale Sanità del Lazio ha disposto l’apertura straordinaria dei centri trasfusionali di Roma e Rieti, per far fronte all’esigenza di sangue. I centri dove recarsi sono segnalati sul sito www.salutelazio.it/salutelazio/donare-il-sangue. Saranno aperti senza limiti d’orario, in particolare quello dell’ospedale San Camillo de Lellis, in viale J.F. Kennedy, 1 a Rieti dove si sono già messe in fila centinaia di persone. È stata disposta anche l’attenuazione delle attività chirurgiche non urgenti programmate per poter mettere usufruire delle sale operatorie, delle terapie intensive e dell’attività di elisoccorso dei principali ospedali della Capitale. Il presidente Zingaretti ha poi chiesto, via Twitter, a tutti coloro che si trovano nelle zone colpire di togliere le password WiFi ai modem per alleggerire la rete mobile. Un altro aiuto arriverà dal satellite e più precisamente da Copernicus, il sistema europeo di monitoraggio della Terra, che raccoglie dati grazie ad un sistema di satelliti e sensori a terra, sui mari e nei cieli.