«Un crossover che aggira gli ostacoli»

«Il free riding in contesto urbano incarna perfettamente lo spirito del nuovo Qashqai, un veicolo capace di affrontare e superare le mille sfide dei percorsi quotidiani. Proprio come i biker che si esibiranno oggi e domani a Milano, affrontando con entusiasmo i percorsi più insidiosi e trasformando le difficoltà in divertimento». Bruno Mattucci, direttore marketing di Nissan Italia, ha le idee chiare quando si tratta di spiegare i motivi che hanno spinto la casa a dare vita al primo torneo di urban free riding a livello paneuropeo. Una gara non a caso partita proprio dall’Inghilterra dove ha sede lo stabilimento Nissan in cui il Qashqai viene prodotto, insieme a Micra e Note.
«Anche la campagna pubblicitaria con cui abbiamo lanciato in Europa il nostro nuovo crossover incarna questo concetto - prosegue Mattucci -: nello spot, infatti, il Qashqai si trasforma in uno skateboard, che aggira facilmente tutti gli ostacoli del traffico cittadino». Il challenge che fa tappa a Milano s’inserisce nel più vasto ambito del Nissan Sports Adventure, un programma di eventi sportivi e sponsorizzazioni ideato con lo scopo di far provare al pubblico la cosiddetta «Nissan brand experience». Di che cosa si tratta? «È un’emozione fatta di due ingredienti principali: passione e avventura - spiega ancora Mattucci - elementi che caratterizzano Nissan in ogni suo aspetto, dai prodotti alla comunicazione. Arrivare a trasmetterli attraverso iniziative come questa è stato per noi un impegno naturale». Un impegno che, per quanto riguarda le declinazioni più nuove e spettacolari della mountain bike, continua. Nissan, infatti, dopo il Qashqai Urban Challenge supporterà anche la Townhill in programma a Bergamo il 7 e 8 luglio: una gara di discesa che, partendo dalla Rocca di San Vigilio, percorrerà a rotta di collo le antiche stradine della Città Alta.