Crt Salone L’Odissea contemporanea di Perrotta

Mario Perrotta ha smesso i panni solo di narratore per indossare quelli di drammaturgo e attore al tempo stesso. E’ infatti autore e interprete ,al Crt Salone (via Ulisse Dini 7, info: 02-89011644, www.crt.it), fino al 22 febbraio, di «Odissea». E’ la sua Odissea, evidentemente, riscritta e recitata in endecasillabi, con l’accompagnamento musicale di due ottimi musicisti jazz, Mario Arcari (al clarinetto, oboe e percussioni) e Maurizio Pellizzari (chitarra e tromba). Un lavoro che si è sviluppato in un lungo tempo di ricerca e di prove. «Prima di tutto mi sono preparato e documentato. Ho deciso di riscrivere il testo di Omero in endecasillabi perchè ho avuto come modelli la poesia di Dante e Petrarca», spiega Perrotta. Il suo lavoro è di notevole interesse, oltre che per la riscrittura e l’uso della musica, per il senso che conferisce alle avventure dell’eroe Ulisse: l’uomo più astuto, curioso e intelligente dell’epica, secondo Perrotta è, invece, colui che fugge dal ruolo di padre e marito. Ulisse davanti agli occhi di Telemaco, suo figlio, altro non è che un padre assente. Un’Odissea che tocca temi contemporanei: «Ulisse è come i genitori di oggi che, dopo una lunga giornata di lavoro, non hanno tempo nè voglia di parlare con i loro figli. Sono sfiniti e si mettono a guardare il Grande Fratello».