Crudeli «sfoglia» l’album di ricordi (inediti) di Maldini

Un’altra biografia di Paolo Maldini, commenterà con uno sbuffo persino qualche fan milanista. Allo stesso capitano rossonero, quando gli venne proposta la scrittura a quattro mani della propria storia (l’ennesima), l’idea non esaltò particolarmente. E forse fu proprio quel diniego a motivare ulteriormente Tiziano Crudeli, il tifoso dei tifosi rossoneri, a concepire un libro su «Cuore di Drago» diverso dal solito c’era una volta, corredato dall’immancabile serie di «numeri» sul capitano (partite giocate, goal, presenze in azzurro e via discorrendo). Questo «Paolo Maldini - la storia di un campione anche nella vita» edito dalla Sep-Vallardi (prezzo di copertina, 18 euro) è come un album di ritagli, ricco di foto bellissime (tutte firmate Marco Ravezzani, un’ulteriore garanzia di qualità) ma soprattutto di aneddoti, ricordi e retroscena che il Tizzi ha messo insieme dopo, lo conferma lui stesso, «aver scartabellato tutti gli archivi possibili e immaginabili dai quali poter attingere a piene mani le informazioni che mi servivano». Molte delle quali inedite (sull’infanzia, la love-story con la moglie Adriana, i rapporti con gli allenatori, «maldinate» varie) e che aggiungono interesse ad un’opera da grafica e contenuti estremamente curati. Davvero un bel libro da collezione, scritto soprattutto con la passione del vero supporter rossonero. «Documentatissimo», come ci tiene ad essere definito Crudeli, che ha curato la realizzazione di questa sua seconda opera letteraria come un figlio: talvolta le bozze se l’è corrette persino mentre partecipava a qualche diretta tv su Telelombardia e Antenna 3 (l’ho visto coi miei occhi), tra i rimbrotti di Ravezzani e gli sfottò di Corno.