Il ct la manda a casa Ma il giudice ordina: «Isabella gareggia»

(...) snowboard nello slalom parallelo la stessa Dal Balcon. Il Tas ha ordinato al Coni e alla Fisi di inserire la ragazza ma ha lasciato al comitato olimpico italiano e alla federazione degli sport invernali la responsabilità di decidere chi escludere delle altre atlete convocate, per farle posto. A Coni e Fisi è stato anche ordinato di compiere tutti i passi necessari per consentire alla Dal Balcon di prendere parte agli allenamenti sul terreno di gara a partire da stamattina mentre è stata respinta la richiesta della stessa atleta di poter contare su uno staff tecnico personale. Lo stesso Coni ha immediatamente chiesto alla Fisi di attuare la decisione del tribunale. Significa che
il tecnico Peri dovrà tagliare una testa, ammettendo, insieme con Coppi, presidente della Fisi l’errore normativo (non esiste un criterio di selezione scritto, un precedente analogo in Svizzera aveva trovato soluzione diversa proprio perchè l’ultima parola, a parità di risultati e di valori tecnici tra gli atleti, per regolamento definito, spettava all’allenatore), sperando che la «nominata» non intenda fare lo stesso percorso legale, alzando altra polvere su una vicenda già misera di suo. A meno che la stessa Isabella Dal Balcon, vinta la battaglia non voglia compiere il grande gesto di rinunciare alla convocazione, vincendo la medaglia del fair play sportivo contro quella della superficialità di chi lavora dietro le scrivanie. A Bardonecchia fa molto freddo e il termometro non c’entra. E’ un buon precedente per lo sport nostrano: prepariamoci a una primavera calda, soprattutto si prepari Marcello Lippi. Sappia, il cittì viareggino, che Panucci o Vieri, Liverani o Lucarelli, in caso di esclusione dalla rosa mondiale potrebbero affidare la pratica a uno staff di avvocati con lo stesso indirizzo: il Tas, che già si è pronunciato sul doping della Juventus, sul caso Mexes-Auxerre-Roma, potrebbe prendere in esame altri casi, come ha fatto in queste ultime ore con Isabella Dal Balcon. A meno che in federcalcio non corrano ai ripari e inseriscano un post scriptum relativo e specifico sui criteri di convocazione in nazionale. Non ci faremo mancare anche questo?