Cuba manda la crisi in fumo: pronti i sigari «puros Behike»

I nuovi sigari del marchio Cohiba saranno presentati la prossima settimana alla fiera del sigaro, il «Festival del Habano» che si terrà nella capitale dal 22 al 26 febbraio.

Cuba annuncia il lancio di una linea di sigari molto esclusivi nonostante il crollo delle vendite mondiali per la crisi economica e le norme contro il fumo in vigore in molti paesi. I nuovi «puros» Behike del marchio Cohiba saranno presentati la prossima settimana alla fiera del sigaro, il «Festival del Habano» che si terrà nella capitale dal 22 al 26 febbraio. Nel 2006 la Habanos S.A. che commercializza i sigari cubani aveva presentato una prima serie limitata di questi sigari, messi in vendita per 15 mila euro ogni 40. La Habanos è una società mista tra la statale Cubatabaco e il gruppo franco-spagnolo Altadis per la distribuzione, promozione e commercializzazione a Cuba e all'estero dei sigari. Il fatturato del 2008 è stato di 390 milioni di dollari, in calo del 3% rispetto all'anno precedente. Una contrazione che è stata attribuita alla riduzione delle vendite per la crisi economica mondiale e alle forti misure contro il fumo adottate nei principali mercati dei sigari cubani come Germania, Regno Unito, Francia e Emirati. Con la crisi economica Cuba ha ridotto di un terzo la superficie coltivata a tabacco. Secondo le cifre ufficiali, le piantagioni sono passate dai 28.200 ai 19.800 ettari, con una previsione di produzione di 22.500 tonnellate di tabacco a fronte delle 28.200 previste inizialmente.