Cuba, sparatoria all'aeroporto. Due morti

L'Avana - Due persone sarebbero morte all’aeroporto dell’Avana nella sparatoria tra la sicurezza e due reclute che volevano imbarcarsi su un aereo. Alcune fonti hanno infermato che le reclute - due, ma forse tre, fuggite giorni fa dalla loro unità militare - sono entrate sulla pista a bordo di un autobus e che sono state affrontate da forze della sicurezza. Nella sparatoria sarebbero morti uno degli attaccanti ed un ufficiale della sicurezza. Le reclute implicate nella vicenda, e il cui numero non è stato ancora definito, hanno fra 19 e 21 anni, e sono fuggite giorni fa da una unità militare e i loro volti circolavano in e-mail in cui si avvertiva della loro pericolosità.

Versioni ufficiose hanno assicurato che i giovani in servizio di leva erano fuggiti lo scorso fine settimana dalla caserma in cui seguivano l’addestramento portandosi via fucili AK-47 con cui avrebbero ucciso - ma neppure questo è mai stato confermato ufficialmente - un soldato e ne avrebbero ferito un secondo. A Cuba l’ultimo sequestro aereo è avvenuto nell’aprile 2003 quando una persona con una bomba a mano dirottò un velivolo che copriva la rotta Nueva Gerona-L’Avana.

La polizia cubana ha arrestato tre delle reclute dell’esercito. Lo hanno riferito fonti della polizia, secondo cui lo scontro a fuoco tra gli agenti della sicurezza e le tre reclute è avvenuto nei pressi del terminal dell’aeroporto utilizzato per i voli charter diretti a Miami.