La cucina ligure in tavola a Lavagna nella casa-museo

Menu a base di pesce, cucinato secondo la tradizione gastronomica ligure, per il gran finale della rassegna “I mercoledì del gusto“, che andrà in scena questa sera alle 20.30 nella suggestiva cornice del giardino interno di Casa Carbone, la casa-museo di proprietà del Fondo per l’Ambiente Italiano, nel comune di Lavagna.
Tartara di tonno fresco, muscoli ricoperti, risotto agli scampi e ai funghi porcini, orata, gamberoni al passito e altre specialità tipiche della cucina ligure, verranno proposte ai partecipanti al costo di quaranta euro a persona (un prezzo comprensivo anche del biglietto di ingresso che consente la visita alla casa-museo),
L’edificio donato al Fai dai fratelli Carbone, ha mantenuto l’atmosfera e gli ambienti di fine XIX secolo, ed è così in grado di restituire ai visitatori un ritratto di vita borghese dell’Ottocento. Per questa ragione, è stato scelto dall’amministrazione comunale e dai ristoratori lavagnesi per promuovere le ricette più tipiche della cucina ligure, e da quest’anno ospita, per la prima volta, cene aperte al pubblico. Un viaggio nell’arte e nel gusto che a partire dall’11 luglio ha permesso ai numerosi partecipanti di scoprire come le due diverse anime del territorio della Liguria - il mare e la terra- contraddistinguano, con i loro prodotti, anche la cucina e la gastronomia.
L’iniziativa, negli altri quattro appuntamenti che si sono succeduti negli scorsi mercoledì a cura di altrettanti ristoranti della zona, ha infatti già riscosso notevole successo, come conferma anche il titolare del ristorante “U Caminettu“, che curerà il menu di stasera e ammette come le prenotazioni, per l’ultimo appuntamento in programma, siano già quasi al completo: «Avevamo solo cinquanta posti disponibili e siamo già arrivati a sessantacinque - spiega Salvatore Lavenia - E le richieste, oltre che da Genova e dalla Liguria, sono venute dalla Toscana e persino dalla provincia di Lecco»
Per i partecipanti, c’è anche la possibilità di visitare gratuitamente la mostra “Pietre di mare tra storie e mito“, ospitata a piano terra del museo fino al 2 settembre, e dedicata dagli artisti all’elemento che dà il nome stesso a Lavagna: quella pietra scura estratta dalle cave dell’entroterra, poi diventata elemento caratteristico del paesaggio ligure.