«Cultura ebraica fondamento dell’Europa»

Sinagoghe aperte per conoscere meglio l’ebraismo e riflettere su discriminazione e pregiudizi ancora non del tutto sconfitti. Ieri, nella giornata della cultura ebraica, manifestazioni e mostre in 55 località italiane sono state ispirate al tema «Sentieri e parole»: guide che aiutano a ripercorrere il cammino del popolo ebraico attraverso l’arte e la storia. Il vice premier Francesco Rutelli nella sinagoga di Senigallia e il segretario dei Ds Piero Fassino al museo ebraico di Bologna hanno ricordato l’importanza della cultura ebraica. «È giusto celebrarla perché è una delle radici fondamentali della cultura europea», ha detto Fassino. Sull’importanza della cultura ebraica si è soffermato anche il vice sindaco di Milano, Riccardo De Corato: «Milano ha grande simpatia per la comunità ebraica, che rappresenta un esempio di grande cultura, dialogo e integrazione. Pur preservando infatti le proprie tradizioni e i propri valori, ha saputo integrarsi nel tessuto sociale della nostra città».