Gli anni Settanta nella Jugoslavia di Tito

Jugoslavia di Tito, anni Settanta. La musica occidentale arriva nei Paesi socialisti e i giradischi sono finalmente in vendita. Il giovane Egon ne vuole uno, la madre no... Gli estimatori di una certa letteratura e filmografia nate nell’«Altra Europa» sopravvissuta al comunismo (vedi i romanzi di Slavenka Drakulic o i film alla Good Bye Lenin!), rimarranno deliziati da Il giradischi di Tito (Fazi, pagg. 282, euro 16, trad. Michele Obit), romanzo di Miha Mazzini, scrittore e premiato sceneggiatore sloveno. Tra personaggi tragicomici, tradizioni familiari in bilico, momenti esilaranti, l’autore, classe 1961, ci diletta con una storia stralunata ma non troppo, piena di colore, musica ed emozioni. Da non perdere.