Chi è

Nato a Lucca nel 1943, Marcello Pera ha iniziato la carriera accademica nel ’76 come incaricato di Filosofia della Scienza a Pisa. Poi è stato professore straordinario di Filosofia Teoretica a Catania (’89-92) e ordinario di Filosofia della Scienza all’Università di Pisa (’92). L’entrata in politica avviene con l’adesione a Forza Italia, e con il ruolo di coordinatore nazionale della Convenzione per la riforma liberale. Eletto senatore nel ’96, si occupa soprattutto dei problemi della giustizia. Dopo le elezioni del 2001 diventa presidente del Senato. Pur definendosi «non credente», Pera, si è avvicinato al pensiero cristiano, accogliendo l’invito kantiano di Benedetto XVI secondo cui «anche chi non riesce a trovare la via dell’accettazione di Dio dovrebbe comunque cercare di vivere e indirizzare la sua vita come se Dio esistesse». L’ultimo suo libro è Perché dobbiamo dirci cristiani. Il liberalismo, l’Europa, l’etica (Mondadori).