Chi è

Dario Antiseri è uno dei filosofi cattolico-liberali più noti in Italia e all’estero (i suoi testi sono stati tradotti in decine di lingue e i suoi manuali usati da decine di migliaia di studenti). Laureatosi in filosofia nel 1963 all’Università di Perugia, ha proseguito i suoi studi presso varie università europee dedicandosi alla logica ed alla filosofia del linguaggio. Divenuto libero docente nel 1968 ha iniziato a insegnare alla «Sapienza» di Roma e presso l’Università di Siena. Dal 1975 al 1986 è stato ordinario di filosofia del linguaggio presso l’Università di Padova mentre, dal 1986, ha assunto la cattedra di Metodologia delle scienze sociali alla LUISS di Roma pur ricoprendo l’incarico di preside della Facoltà di Scienze politiche della stessa Università tra il 1994 ed il 1998. Nel febbraio del 2002 è stato insignito, assieme a Giovanni Reale, di una laurea honoris causa presso l’Università Statale di Mosca. Tra i suoi libri più importanti ricordiamo: La «via aurea» del cattolicesimo liberale (Rubbettino); Liberali e solidali. La tradizione del liberalismo cattolico (Rubbettino) e (con Hubert Kiesewetter) «La società aperta» di Karl Popper (Rubbettino).