Chi è

Evrosinija Kersnovskaja, morta nel 1994 a 87 anni, era originaria di Odessa. Nonostante un’educazione «borghese» scelse il lavoro nei campi dopo la fuga della famiglia in Bessarabia per sfuggire al regime sovietico. Deportata in Siberia e internata in un gulag per dieci anni, la Kersnovskaja racconterà poi la sua tragica esperienza. Da pochi giorni Bompiani ha pubblicato il suo «Quanto vale un uomo», mentre alla Feltrinelli di Galleria Colonna a Roma, fino al 31 gennaio, saranno esposti i suoi disegni.