Chi è

Ala Marinetti, 79 anni, è la secondogenita dell’inventore del Futurismo Filippo Tommaso Marinetti (1876-1944) e di Benedetta Cappa (le altre sorelle si chiamano Vittoria e Luce). «Siamo cresciute con un’educazione severa - ha spiegato Ala in un’intervista anni fa -. Andavamo al Sacro Cuore e non ci era permesso frequentare la bohème artistica che invadeva la casa nei pomeriggi. Evidentemente i nostri genitori ritenevano quella compagnia così eccentrica non adatta a delle bambine. Certo, avevamo le pareti tappezzate di quadri futuristi e un’intera camera tutta dipinta da Giacomo Balla...». E il padre? «Era un uomo estroverso, allegro, la battuta ironica sempre pronta. Come tutti gli uomini che diventano padri non più giovani, con noi bambine era buonissimo, ci avrebbe fatto fare tutto quello che volevamo. L’unica cosa che lo mandava in bestia, quando diventammo adolescenti, era che qualche ragazzino ci ronzasse intorno. A me una volta disse in tono lapidario: «Ricordati che il migliore degli uomini è comunque il peggiore delle canaglie».