Chi è

Michael Connelly, laureatosi in ingegneria nel 1980, comincia a lavorare presso alcuni giornali a Daytona Beach e Fort Lauderdale (Florida) dedicandosi alla cronaca nera. Nel 1986 produce un reportage intervistando i sopravissuti di un disastro aereo. Il pezzo viene candidato per il Pulitzer. In seguito Connelly trova impiego al «Los Angeles Times». Avendo deciso di diventare scrittore di thriller già ai tempi dell’università sfrutta gli anni da giornalista per studiare il lavoro della polizia. La maggior parte dei suoi libri riguarda le indagini di un detective di Los Angeles, «Harry» Bosch. L’ultimo titolo che arriva oggi in libreria e che anticipiamo in questa pagina è «La città buia» (Piemme).