Chi ha ucciso Isid? Un mistero senza fine

L’ultimo libro di Vittorio Sabia, giornalista scrittore. E 60 anni di onorata carriera

Ma, alla fine, Nicolino riuscirà a trovare quel “bastardo“ che ha ucciso la piccola Isid? La risposta la conosce solo Vittorio Sabia, che si guarda bene dal riferircela. Probabilmente Vittorio (quello «vero», ma anche quello del libro) il segreto se lo porterà nella tomba. Ma chi volesse conoscere l’intero antefatto di questo giallo, può leggersi "Chi ha ucciso Isid?", il romanzo thriller (ma più white che noir) di Sabia, il quale, da giornalista prestato alla letteratura, si è trasformato - libro dopo libro - in "letterato" col piglio giornalistico.

Per Sabia 60 anni di onorata carriera al servizio della "notizia", che è sempre "storia" (a volte con la "s" minuscola, altre con la "S" maiuscola). Reporter, cronista, inviato, ricercatore, storico, analista, scrittore. Sono i tanti "quadrettini" del cubo di Rubik che da oltre mezzo secolo Sabia ama rigirare tra le mani. Divertendosi. E divertendoci. Quasi sempre. In quest’ultimo appuntamento si mischiano personalità multiple che lungo 348 pagine inondano come uno tsunami occhi, cuore e anima del lettore. La bella prefazione firmata dal collega (ma soprattutto, amico) Rino Cardone e l’azzeccata quarta di copertina del professor Enzo Ceccato danno al volume un tocco di ulteriore eleganza. Qualità diventata ormai merce rara. E non sono nel mondo dei libri.