Corso accademico per studenti suicidi

Una catena di misteriosi suicidi coinvolge i più brillanti allievi di un’università italiana dove convergono le migliori menti europee. La racconta Ferruccio Pinotti in La società del sapere (Rizzoli, pagg. 234, euro 18). A indagare sulla vicenda la Procura chiama un professore di Harvard, Fabrizio Corsini che, sotto l’aplomb dei professori e il genio dei ragazzi, scoperchierà un vaso di Pandora in cui l’identità delle persone, l’etica e la dignità umana sono scomparsi. Un viaggio senza ritorno che lo porterà indietro, in una catarsi senza scampo, ai suoi stessi scheletri nell’armadio. Malcelati nella memoria come quei suicidi che, nella realtà, prima di questo libro a essi ispirato, avevano trovato solo qualche sbiadita riga in cronaca.