E ora i «non morti» invadono il piccolo schermo

Dopo il ritorno dei vampiri è il turno degli zombie. Sono infatti i morti viventi i nuovi protagonisti della stagione televisiva, almeno per quanto riguarda il versante horror. È infatti in arrivo l’1 novembre su Fox la serie The Walking Dead che racconta un mondo agonizzante e invaso da milioni di cadaveri ambulanti. La trama è l’adattamento di un fumetto della Image Comics che negli Usa ha avuto un grande successo e racconta le vicende di uno sceriffo il quale, assieme a pochi altri superstiti, cerca di trovare un luogo sicuro in cui sopravvivere all’inarrestabile appetito dei non morti. La versione tv porta la firma prestigiosa di Frank Darabont (Le ali della libertà e Il miglio verde) come produttore esecutivo e regista di alcuni episodi. Darabont, che è anche lo sceneggiatore, dà vita a un racconto post-apocalittico dove scenari da brivido, spesso quasi onirici, si alternano a un’opprimente sensazione di vuoto e di abbandono. Così la lotta, anche psicologica, tra i vivi e i defunti assume un carattere fortemente psicologico: quasi The Road di Cormac McCharty in salsa zombie.