Ecco gli autori in offerta speciale all'Autogrill

M ai capito l'andare al mare: la sabbia che ti si appiccica addosso, i patiti dello scoglio che allora si mettessero gli scogli in casa al posto dei divani, il giocare a racchettoni, il gioco più stupido della terra, il prendere il sole per diventare neri quando i neri veri vorrebbero essere bianchi, e quindi figuriamoci se capisco «il libro da spiaggia».

Insomma, hai finalmente tempo per rilassare il corpo e impegnare la mente in pensieri stupendi, e il libro deve essere leggero e possibilmente scemo. Negli autogrill ci sono tanti tre per due, insieme puoi abbinarci una scimmia che piange se le togli la banana di mano, un set di tazze di Peppa Pig o un cappellino di Masha e L'orso. Offerte imperdibili: due tascabili Ultraeconomici Newton Compton, tipo Incontri proibiti , «un grande romanzo di Indingo Bloome» (chi?), «numero uno in Australia» (ah, beh), un 90 giorni di tentazione di Lucinda Carington, e se vuoi ti danno in omaggio Nella terra delle meraviglie di Paolo Brosio (della Piemme, sulla copertina del tascabile «la Madonna scende in campo», immagino un campo santo oppure Berlusconi l'ha scelta come premier). Il tutto con meno di dieci euro. Le frasi civetta fanno concorrenza a quelle dei preservativi, del genere: «Per lei era un cliente. Per lui era una preda».

Un affarone rispetto a quello che offre Rcs, che ormai è ufficialmente del gruppo Mondadori e i maligni lo chiamano «Mondazzoli»: Adelphi, Bompiani, Marsilio e Rizzoli vi rifilano due romanzi a quindici euro. Esempio di combinazione: Donne di Andrea Camilleri si può abbinare a Se vuoi fare il figo usa lo scalogno di Carlo Cracco. Ma anche a Il cimitero di Praga di Umberto Eco, perfetto per un marito pensionato fumatore di pipa mentre la moglie legge Marina Bellezza di Silvia Avallone, che arrivò seconda al Premio Strega 2010. Tuttavia sulle sdraio si vedranno il vincitore e i finalisti dell'ultimo Premio Strega, Lagioia, Santagata, Genovesi, Covacich, Ferrante, in un'offerta offerta unica al mondo: paghi cinque a prezzo pieno e non prendi uno scrittore neppure per sbaglio, allora, scusate, tanto vale ciucciarsi Indingo Bloom.

In ogni caso a Mondadori, quella original, cosa le frega: le donne più fiche le vedrete con in mano Grey di E.L. James (maschi, attenzione, chi legge la James ci sta: o è una donna sposata e insoddisfatta, o è una single sfigata e non vede l'ora di farsi legare e cucinare, magari usando lo scalogno di Cracco), e fra tutti, ammettiamolo, è il meno peggio, almeno è un romanzo. Tranne per Selvaggia Lucarelli, che lo ha stroncato come «una cagata», e può essere se lo dico io, ma se lo dice la Lucarelli che ha scritto una cagata come Che ci importa del mondo la James è Proust. È la vecchia storia della predica e del pulpito. A proposito di Proust, povero Proust, cercano di rifilarvelo appena possono, perché ostentarlo per alcuni è ancora chic: Mondadori ha fatto un mattonazzo che se ne comprate dieci ci costruite un fortino per proteggervi dagli assalti di ferragosto e se lo lanciate addosso a vostro marito lo ammazzate al primo colpo, mentre se lo lanciate a vostra moglie commettete un femminicidio, il quale per definizione non è un omicidio. Newton Compton, più furba, lo stesso mattonazzo ma arancione, per abbinarlo al pareo. Tanto uno mica compra Proust per leggerlo sulla spiaggia. E neppure per leggerlo a casa una volta finite le vacanze, perché si lavora, chi c'ha il tempo di leggere.