"I miei primi cinquant'anni..."Mezzo secolo di Costa Smeraldatra glamour, spiagge vip e natura

Tutto nasce con la grande intuizione del principe ismaelita Karim Aga Khan che, nel 1962, fondò questo regno di mondanità e bellezza tra acque cristalline e natura selvaggia. <a href="/fotogallery/la_costa_smeralda_compie_mezzo_secolo/costa-smeralda/id=4065-foto=1-slideshow=0" target="_blank"><strong>Guarda la gallery</strong></a>

"Ecco i miei primi 50 anni...". Proprio come un vip. E la star è lei: la Costa Smeralda. Una fetta di paradiso nata da un sogno, dalla grandiosa intuizione del principe ismaelita Karim Aga Khan che, mezzo secolo fa (era il 1962), fondò questo regno di mondanità e bellezza tra acque cristalline, natura selvaggia e sapori glamour. Oggi la Capitale, nello storico St. Regis, dedica alla Regina delle spiagge italiane una celebrazione coi fiocchi. Perché in questo tratto di Sardegna tutto fa notizia: dalla bandana dell'allora premier Silvio Berlusconi alle regate delle Yacht Club, dalle notti glamour di Nera Naomi Campbell nel Billionaire di Flavio Briatore fino alle servitù militari alla Maddalena (guarda la gallery).

Non solo spiagge e notti vip. La Costa Smeralda è una star anche sul grande schermo. Con Alberto Sordi che interpreta un Giacinto in braghe corte ed Erminia in mise rosa e scarpe dorate. Ecco lì i protagonisti del capolavoro Le coppie catapultati nel lusso della Sardegna per festeggiare l’anniversario di matrimonio. Gli alberghi Starwood - Cala di Volpe, Cervo, Pitrizza e Romazzino - tutte location glamour, hanno scelto di celebrare le cinquanta candeline con un menu degli chef Stefano Spanu e Manuel Arcadu e una mostra fotografica sulle origini del mito. Così, tra alcuni scatti inediti, spunta anche quello di Nello Di Salvo che ritrae la bellissima Marisa Berenson al Cala di Volpe. Era il 1968. Il fotoreporter fu ingaggiato da Sua Altezza l’Aga Khan per documentare la Costa Smeralda ai suoi albori.

Come nasce la leggenda di questo angolo di paradiso ora di proprietà di Tom Barrack, finanziere americano di origini libanesi? Nel 1958 la Sardegna era scarsamente abitata, un’isola selvaggia scolpita dal mare e dal vento, fatta di baie incontaminate e promontori mozzafiato. Un giovane principe, Karim Aga Khan IV, rimase incantato da tanta bellezza. Quattro anni dopo, nel 1962, decise di investire in più di 30mila ettari di questa immacolata costa mettendo insieme un'elite di investitori e creando il consorzio Costa Smeralda. Nello stesso anno il principe chiamò alla sua "corte" i migliori architetti dell’epoca: da Luigi Vietti a Jacques Couelle, fino a Michele Busiri Vici. Nacquero l’Hotel Cervo e l’Hotel Cala di Volpe. Nel 1963 fu la volta dell’Hotel Pitrizza e poi, nel 1965, dell’Hotel Romazzino. Fu l’inizio di una nuova era: un luogo magico avvolto da semplicità, lusso e tradizione era stato creato.

Da quei magici anni Sessanta è passato mezzo secolo. Ma la Costa Smeralda mantiene intatta la sua esclusività. E i tratti distintivi: resta sempre la "seconda casa" per il jet set nazionale ed internazionale. Dopo la tappa romana, fino al 16 con menu a tema al Vivendo, le stelle della cucina italiana raggiungeranno la Costa Smeralda per Eating with the stars. Anche Elton John, con un concerto il 16 luglio al Cala di Volpe, parteciperà alle celebrazioni che proseguiranno con un Ferragosto vintage, con serate a tema anni Sessanta e Settanta, e il Porto Cervo food festival che, il 15 e il 16 settembre, presenterà cuochi sardi e nazionali.

Commenti

WSINGSING

Mer, 06/06/2012 - 23:18

Costa smeralda....quest'anno sarà anche ritrovo di 500 agenti del fisco là dislocati per ricercare violazioni di legge. Sta bene, anche se sarebbe stato meglio non pubblicizzare tanto la notizia. A proposito della costa Smeralda, mi è stato detto da una signora che una "messa in piega" costa 150 euro. Quando ho riferito questa notizia ad un medico che aveva una villa sulla costa smeralda, questi mi ha detto: "Solo i poveri sfigati pagano 150 per una messa in piega ovvero 60 euro per un aperitivo al tavolo. Se allo stesso parrucchiere o allo stesso barista va una STAR del cinema o della TV, non paga niente, assolutamente niente, purchè si faccia fare una foto con il titolare (parrucchiere o barista) che di poi esporrà quella foto in bellavista. Così va l'Italia.......Ed io a quel medico credo ad occhi chiusi!