ilGiornale, da 40 anni contro il coro

Cronaca e storia, dal 1974 ad oggi, raccontati dalle prime pagine de il Giornale

Rivivi la nostra storia attraverso le pagine del quotidiano che ha dato voce ad una maggioranza fino ad allora silenziosa. Gli editoriali acuti e taglienti di Indro Montanelli, Vittorio Feltri e Alessandro Sallusti, le corrispondenze dei grandi inviati, gli eventi e i fatti –italiani e internazionali- che ritroviamo ancora oggi alla radice della più stringente attualità. Dalla fondazione de “Il Giornale” nel giugno 1974, ad oggi, raccontando storie e personaggi come Sandro Pertini, Karol Woitjla, Mikhail Gorbaciov, Bettino Craxi, Madre Teresa di Calcutta, Barak Obama, passando attraverso gli anni di piombo, i miti e le vittorie sportive, il crollo del muro di Berlino, tangentopoli, la fine delle ideologie, e la vita quotidiana di tutti noi italiani.

A partire da venerdì 11 aprile quattro pagine, con il poster della pagina storica, tutti giorni in regalo con Il Giornale.

Commenti

info@licht-ital...

Gio, 10/04/2014 - 09:59

Con tutto il rispetto non avvicinerei mai i nomi Feltri e Sallusti, che pur io apprezzo , al grande Montanelli unico giornalista di Destra ed unico grande giornalista Italiano in grado di glorificare l'Italianita senza cadere nello Chauvinismo ed in arzigogoli fascistoidi. Ma chi é Eugenio Scalfari talmente glorificato dalla sinistra e da quel furbacchione di Vespa al cospetto di Montanelli ? Uno che continuamente tira i suoi dardi avvelenati alla schiena di quel scusate "gonzo" di Berlusconi e non disdegna peró di far pubblicare le sue flatule pseudo-intellettuali da Mondadori. Uno che racconta in televisione di esser stato chiamato al telefono da Papa Francersco ( Numero Uno dei Catto-Comunisti) alle nove della sera. Ma a chi interessa se questo sommo cagone che si spaccia per una "Turris Eburnea" sia ateo o no? Piu che una Turris Eburnea lui é un sepolcro imbiancato.

ghorio

Gio, 10/04/2014 - 12:35

Una considerazione: non è stato solo Indro Montanelli l'unico grande giornalista di destra, in grado di glorificare l'italianità. Tra i grandi metterei anche i vari Giovanni Artieri, Enrico Mattei, Alberto Giovannini, Gianna Preda, Alberto Consiglio, oltre al grandissimo Leo Longanesi, etc. Senza dimenticare i tanti "inviati speciali", dagli anni 60 in poi, il cui elenco sarebbe lungo.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 10/04/2014 - 12:41

Montanelli sarà pure stato un grande giornalista (di destra o meno non ha importanza), come, senza dubbio, lo sono stati e sono Feltri e Sallusti, ma in fatto di coerenza ideale, umana e politica, direi che questi ultimi gli sono al di sopra di qualche spanna. Mai questi si sono sognati di sputare nel piatto in cui mangiano o di pugnalare alle spalle Silvio Berlusconi, "gonzo" o non "gonzo" che sia, nel momento di maggior bisogno di quest'ultimo. L'inaffidabile Montanelli è arrivato anche ad osteggiarlo il Silvio schierandosi apertamente, o dando almeno quest'impressione, con i suoi amici/nemici di sinistra. Non per niente mise su un altro giornale sinistrorso, fallimentare per fortuna, poiché come testata non esiste nemmeno più, dando ad intendere che ne "il giornale", altra sua creatura, non si sentiva più libero. Come se Berlusconi, grande editore liberale, si fosse comportato e si comportasse ora per lui come uno schiavista che però gli andava sempre, ogni anno, e senza fiatare ripianando tutti i disavanzi di bilancio del quotidiano. Come si vede in fatto di pugnalate alle spalle Montanelli non è stato secondo a nessuno, nemmeno a Scalfari.

ghorio

Gio, 10/04/2014 - 13:06

Naturalmente sarebbe auspicabile per il giorno 24 giugno 2014 un numero speciale, almeno di cento pagine, de" Il Giornale", con la storia dei 40 anni.

info@licht-ital...

Gio, 10/04/2014 - 14:14

Caro ilVillacastellano, apprezzo di piu il commento di Ghorio che cita diversi nomi estremamente validi. Ma il testa di serie é e rimane Montanelli. A prescindere poi dalle beghe personali ( a litigare si é sempre in due!). Citerei poi anche la Fallaci che é riuscita a far capire agli americani , che gli Italiani sono figli di Michelangelo,Dante, Da Vinci e non solo dei disperati emigranti! Io voto ancora x Berlusconi anche se lo reputo "gonzo" senza con questo voler esser offensivo. Al massimo sono indignato nel costatare che in tutti quegli anni che é stato capo del governo non é mai riuscito a neutralizzare la nefanda magistraura di taglio comunista ( almeno il 50% della magistratura italiana!). Dice sempre che lo hanno ostacolato i piccoli partitini alleati. Mi sempre un po misera come scusa! Ora si lamenta. Chi cagion é del suo mal ..... Ció nonostante spero vivamente che FI si svegli - compreso Berlusconi- e cominci a rintuzzare il "Flötenspieler di Florenz" il pifferaio di Firenze, con un Brunetta magari un po piú astuto e meno chiaccherone!

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Gio, 10/04/2014 - 14:18

Grande intuizione per avere almeno una voce al di fuori della dittature delle testate di sinistra, speriamo che con un espediente non la facciano tacere, qualche pm "democratico" è sempre disponibile ad inventare un'accusa ed a vedere da quel che stanno facendo per la riforma del senato la democrazia nel nostra paese sarà solo una formalità, stiamo scivolando verso repubbliche democratiche di vecchio stampo marxista, capisco chi ha la forza, il coraggio e la possibilità di spostate in altri paesi la sua attività o la sua residenza.

therock

Gio, 10/04/2014 - 14:53

contro il coro? ma se quando c'era al governo silvio era tutto un cospargere di miele...povero montanelli, che brutta fine la sua testata e che paragone impietoso con i suoi "eredi"

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 10/04/2014 - 15:38

Caro "info@licht-ital... ", non ho voluto citare altri nomi illustri, per limitare il campo ai nomi citati nell'articolo e nel suo commento. Per quanto riguarda il suo "testa di serie é e rimane Montanelli" continuo ad avere i miei dubbi, tenuto conto di quanto da me riferito sopra. Per quanto dice in seguito su Silvio, a cui anch'io darò comunque e sempre il mio voto, mi trova pienamente d'accordo, anzi io rincarerei la dose ancor di più. Trovo condivisibile anche quanto dice su Brunetta. E comunque vedrei di buon occhio se si dessero maggiori responsabilità di partito oltre che a quest'ultimo, anche alla Santanché e a Fitto. Speriamo bene per la nostra Italia!

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Gio, 10/04/2014 - 16:06

@ilvillacastellano - Il fatto di "sputare nel piatto in cui mangiano o di pugnalare alle spalle" in generale ripugna anche a me. IN GENERALE, ripeto. Se una persona onesta dovesse scoprire che chi gli da' da mangiare e' un delinquente, credo sia non solo lecito, ma doveroso rivelarlo.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Gio, 10/04/2014 - 17:27

Vedo che ci sono i consueti commenti dei compagni, i quali non si smentiscono mai, poveracci ragionano con la falce ed il martello al posto del cervello, la rima mi piace e la ripeto spesso.

Ritratto di Massimo Scalfati

Massimo Scalfati

Ven, 11/04/2014 - 14:40

La fotografia a corredo dell'articolo, mi ha suscitato emozione. Ho rivisto assieme due persone che stimavo: Giovanni Spadolini e Valerio Zanone. In loro rivedo i due Partiti laici, di cui essi erano Segretari Nazionali: il PRI Partito Repubblicano Italiano e il PLI Partito Liberale Italiano. Piccoli Partiti (nei numeri di voti), ma grande per la loro storia risorgimentale (Mazzini e Cavour) e per il ruolo propositivo e di contenuti che svolgevano nella politica italiana. E penso: oggi con la iniqua legge elettorale detta "porcellum" (voluta da PDL e PD) e soprattutto con il pastrocchio elettorale, di tipo autoritario, che sta per essere approvato dal Parlamento (con i voti di PD e FI), quei Partiti non potrebbero esistere. Ciò spiega perché la politica oggi è senza idee né qualità.