Con ilGiornale.it il meglio della letteratura erotica Da oggi gratis a 2,99 euro

Oggi a 2,99 euro "Vita di una donna licenziosa", uno dei più celebrati romanzi galanti di Ihara Saikaku (1642-1693). SCARICA QUI L'EBOOK A 2,99 EURO

SCARICA "VITA DI UNA DONNA LICENZIOSA" A 2,99 EURO

"Una bella donna è un'ascia che tronca la vita" dicevano gli antichi. E proprio su questa massima riflette, all'inizio di "Vita di una donna licenziosa", la protagonista, una vecchia prostituta che narra a due giovani la propria esistenza al servizio del piacere, dai fasti della corte imperiale, di cui fece parte da fanciulla, ai più infimi bordelli. Un’esistenza tumultuosa, libera, avventurosa, consacrata al sesso e però segnata da disillusioni, conclusasi nella più completa solitudine. Per questo all’inizio del suo racconto dice, riflettendo su se stessa e su quanto ha vissuto: "(...) è naturale che prima o poi il corpo sfiorisca e diventi secco come legna da ardere. Molti sono però gli stolti che si lasciano travolgere dal turbine delle passioni e si consumano anzitempo sino a morirne. Questa specie di uomini è dura a estinguersi ». 

Ihara Saikaku (1642-1693) è il primo scrittore giapponese a trattare in modo realista il tema del sesso senza infingimenti moralistici. "Vita di una donna licenziosa" venne pubblicato nel 1682 con immenso successo popolare, successo dovuto probabilmente ad uno stile diretto, semplice e a tutti comprensibile. Inoltre, quello che colpisce è come le avventure erotiche e umane, vengano raccontate dal punto di vista femminile. E' una donna forte, indipendente quella che descrive Saikaku che cede con tutta sè stessa ai desideri carnali e per farlo si degrada anche fisicamente. L'abbandono totale alla corrente erotica non fa però sì che il suo cuore venga toccato come lei stessa dice: "Questo mio corpo durerà il tempo sufficiente perchè il loto del mio cuore si schiuda e appassisca. Mi sono abbandonata alla corrente ma il mio cuore non ne è stato intorbidato".

Ma quella che descrive Saikuku è soprattutto il dischiudersi di un nuovo periodo storico e culturale, la cosidetta epoca Genroku: dall'avvento della borghesia fino alle rivoluzioni in campo intellettuale e artistico della cultura chonin bunka, alla fine del Seicento il Sol Levante entra nel mondo moderno. E' quindi proprio la gioia di vivere della neonata classe borghese che cerca nuovi valori e uno stile di vita libero dalle costrizioni che subiva la casta feudale che emerge con tutta la sua forza da "Vita di una donna licenziosa". 

SCARICA QUI L'EBOOK A 2,99 EURO

 

 

Commenti
Ritratto di mario_caio

mario_caio

Mar, 02/07/2013 - 13:40

Siamo sicuri che servano a qualcosa queste storie? A ribecillirsi? Forse sì, tanto non abbiamo nulla a cui pensare.

Ritratto di Geppa

Geppa

Mar, 02/07/2013 - 18:38

grande Mario Caio...qua' la mano...vai con il qualunquismo...noi che leggiamo Proust e Voltaire vero eh?!

idleproc

Mar, 02/07/2013 - 19:46

Geppa. Sicuramente Mario non si è mai letto l'Ulisse di Joyce cominciando dalla fine... Lasciamo perdere poi l'uso di alternativo internet quando la moglie sta sul divano piunlà...

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Mer, 03/07/2013 - 07:49

Oh Geppa, qualunquismo è perdere tempo con ciò che è inutile; e ancora, ma ti sembra che Proust e Voltaire abbiano portato da qualche parte? Non direi. Perchè non provi invece ad impegnarti sul Corano, la Bibbia, la Bhagavad Gita, etc. fatto questo "la vita licenziosa di una donna" ti interessa quanto la formichina che è appena finita sotto la suola della tua scarpa.