"Lettori si nasce, digitali si diventa"

Vademecum per chi inizia a leggere e-book: dove comprare, cosa offre il mercato, come scegliere

Alla fine vi siete decisi: davanti a voi, un ereader o magari un più sofisticato tablet appena acquistato. Pensavate che non avreste mai rinunciato al profumo della carta. Ma è accaduto. Ora però avete voglia di leggervi un bel libro digitale e vorreste sapere dove si scarica, quanto costa, come si paga e chi lo produce. Abbiamo chiesto a Marco Ferrario, uno dei maggiori esperti del settore, pioniere degli store italiani online con Bookrepublic e CEO di Digitpub (sotto il cui cappello si trovano marchi ed eventi digitali come zazie, emmabooks, ifbookthen e 40k), di compilarci un vademecum per chi voglia diventare in pochi minuti un perfetto lettore digitale.

Dove si compra un ebook e quali sono le differenze tra gli store online?
«Le principali librerie che vendono solo ebook in italiano sono Librerie Rizzoli, Ultima Books, Mediaworld, mentre per gli stranieri il primato va a iBookstore di Apple. Quelle che vendono sia ebook che cartacei in italiano sono IBS, la Feltrinelli, BOL (Mondadori), Webster, Unilibro e per i titoli anche stranieri, amazon.it. La principale libreria online indipendente è invece Bookrepublic, che vende tutti gli ebook disponibili in italiano di tutte le case editrici. La sua caratteristica principale è la cura nella presentazione di percorsi di lettura in modi e forme diverse: dai “bookpack”, collezioni di titoli raccolti in base a diversi criteri - genere, autore, argomento, approfondimento - lanciati sul mercato italiano nell’agosto 2011 a prezzi vantaggiosi, alle collane di ebook in vendita con quotidiani nazionali, anch’essi a prezzi convenienti. Oggi in una libreria fisica molto grande ci possono essere al massimo 70-80mila titoli. In una libreria online che venda anche cartaceo ci sono tutti i libri in commercio: secondo i dati più aggiornati, poco meno di 400mila, in italiano».

Di quanti titoli esiste l’ebook?
«In italiano circa 22mila e sono in forte crescita; entro la fine del 2012 il numero dovrebbe raddoppiare. Si tratta delle novità e dei migliori titoli di catalogo».

Qual è il prezzo medio?
«Senz’altro più basso della versione cartacea. Si va dai titoli professionali, scientifici e accademici, con differenze di prezzo minime col cartaceo, a titoli di catalogo fuori diritti, come i classici della letteratura, che si trovano anche gratis. Cambia la qualità della traduzione, delle note, dei commenti, delle informazioni sull’autore. Fra le estreme differenze prezzo, c’è di tutto: editori come Newton Compton che hanno sempre fatto del basso prezzo una filosofia e lanci di collane solo in ebook. In questo caso si parte da 0,99 euro per arrivare, al massimo, a 6,99 o in rarissimi casi a 9,99. La maggior parte dei libri autopubblicati è in vendita a 0,99».

Quali siti offrono ebook gratis ma di qualità?
«Sono tanti. Due tra più interessanti sono Progetto Gutemberg e LiberLiber che da tempo digitalizzano classici e fuori catalogo».

Quali sono a oggi i maggiori successi in ebook?
«Il mercato ebook italiano è in crescita e manca una classifica condivisa. L’ultimo Natale ha visto le vendite del digitale seguire il cartaceo, con alcune particolarità: editori nati per il digitale che sono riusciti a ritagliarsi posti in diverse top ten: 40k, Sugaman, Blonk. Spesso il digitale anticipa l’edizione cartacea con promozioni interessanti. I titoli più venduti sono i gialli: del Nord Europa con Lindqvist, Läckberg e Mankell, ma anche i grandi classici con il Maigret per Adelphi fino a Patricia Cornwell, James Patterson e Giorgio Faletti. Poi gli italiani Gramellini, Guccini, Andrea Vitali e gli stranieri Kathrin Stockett e Clara Sanchez. Grande peso ai classici, su cui la leva del prezzo ha agito in maniera preponderante. Una tendenza nata sul finire del 2011 ha visto i principali editori realizzare collane a basso prezzo: Feltrinelli ha creato la collana solo digitale Zoom: ogni titolo a 0,99 euro, Mondadori ha realizzato Libellule con un prezzo digitale di 4,99, Fazi ha da poco lanciato il primo saggio, La terza guerra mondiale? La verità su banche, Monti e l’Euro, di una collana di economia al prezzo di un euro».