MEMENTO AUDERE SEMPER

Dev´essere il motto sul quale veloci cavalcano i purosangue, senza paura, solo adrenalina pura, un solo obiettivo battere se stessi e tutti, nati per essere energia e regalare emozioni.

La loro missione è istinto puro
e sprigionano libertà e forza. 

Non so quale sia di preciso la caratteristica che leghi per sempre a un cavallo, ma come ogni grande amore e passione che si rispetti, in fondo non trova un origine e un motivo preciso, questo sentimento lo si può solo vivere e custodire preziosamente, perché l’amore per i cavalli è una malattia inguaribile, di quelle però che ti fanno tornare bambini e sorridere senza ragione, fanno battere il cuore e colorano la vita anche nei giorni peggiori.

E’ una droga dalla quale non ci si vuole disintossicare, qualcosa d’inspiegabile e magico che ti porta fuori dal tempo in una dimensione onirica che rende onnipotenti. Chiunque abbia la passione per i cavalli si può riconoscere in questa descrizione, sia che resti uno sport o sia diventato un lavoro.

Il binomio che si crea tra proprietario e cavallo è unico,
fatto di un continuo scambio d’amore e attenzioni.

La magia di un cavallo da corsa è quella di riuscire a regalare emozioni anche senza montarlo, guardandolo sfidare il vento verso traguardi sempre migliori, non curante delle difficoltà, offrendo tutta la sua generosità.

Una passione sinestesica, che coinvolge tutti i sensi, dal manto setoso e lucido al sapore della vittoria, come la prima volta che lo vedi tagliare il traguardo in testa, attimi di apnea dove il mondo sembra fermarsi e l’orgoglio ti riempie l’anima.

Momenti indimenticabili dei quali non se ne può più fare a meno, che legano indissolubilmente al mondo equestre, un mondo che insegna e istruisce che nella vita bisogna sfidare sempre se stessi verso mete più alte, bisogna essere più coraggiosi e generosi, e i protagonisti di questo mondo ce lo ricordano tutti i giorni perchè come ogni grande amore vorremo avere quasi per osmosi le sue qualità, che tanto ammiriamo e che magari ci mancano.

Memento audere semper.

Elena Castelli