La mostra di xilografia "Monochrome, definizione dell'ombra"

Riapre la stagione di Micro Arti Visive con "Monochrome", mostra personale di Alessandra Maxaculi, curata da Paola Valori

Riapre i battenti con Monochrome, mostra personale di Alessandra Maxaculi, curata da Paola Valori la stagione di Micro Arti Visive a Roma, per le nuove iniziative in calendario dedicate all'arte grafica e incisoria.

Il primo approfondimento sarà dedicato dunque alla xilografia, la più antica tra le tecniche incisorie, che in epoca moderna ha trovato largo impiego, venendo anche rivalutata da quasi tutti i pittori moderni e contemporanei: da Chagall, Picasso, Mirò, Dalì, a Guttuso, Campigli e Morandi.

Dal 3 al 10 ottobre ecco allora che riaprono i battenti con una grande interprete Alessandra Maxaculi, innovativa artista italo greca, che si dedica anche alla scultura, prediligendo comunque l'incisione, con un particolare interesse per le ombre e la tecnica del chiaroscuro. Il pensiero di fondo che guida la mano dell'artista classe 1983 è la monocromia, ovvero il netto contrasto tra bianco e nero, che apre il campo a una interessante ricerca stilistica, con l'impiego di un solo colore, tra figure monocrome e fini tratteggi.

Una vasta produzione incisoria, legittimata da numerosi riconoscimenti dalla Biennale di Incisione di Acqui Terme, a diverse mostre in Italia e all’estero."Monochrome: definizione dellombra" è stata inaugurata il 3 ottobre e la mostra resterà visitabile fino al 10 ottobre dalle 11 alle 19 (orario continuato), con ingresso libero.