Di notte

Di notte le strade ingoiate fanno all’amore
l’aria più scura negli stagni sospesi...
ci si perde in un muro di spazio richiuso
sognando uno stormire improvviso di rondini
con la palude nel corpo

Di notte gli astri filanti intrecciano il volo
con farfalle sapienti in cosmica danza
mano volante nell’aria coglie una rosa
per gettarla all’ultima onda del mare

Di notte c’è il vento che sradica sterpi
le mandrie fuggenti tra mille foreste infiammate
stupìti noi due restiamo a guardare il soffitto
le ombre fugaci dei corpi riflessi il pallido lume che spare