Playboy torna in Italia E sul primo numero spunta pure la Boschi

Il magazine arriva domani in edicola con una nuova casa editrice e una nuova redazione

Dopo anni lontano dalle edicole torna anche in Italia il magazine Playboy, che sarà ora edito da Kytori Media Group, che vuole con l’edizione italiana sedurre e affascinare i propri lettori pagina dopo pagina, argomento dopo argomento.

Alla direzione ci sarà Vincenzo Petraglia, già direttore delle altre testate del gruppo, a cui si affiancheranno due importanti collaborazioni che diventeranno appuntamenti fissi: da una parte l’Istituto Italiano di Fotografia, dall’altra la Scuola di Scrittura creativa “Bottega Finzioni” fondata da Carlo Lucarelli. Playboy offre, agli studenti di entrambe le strutture, ogni mese, una vetrina autorevole per la pubblicazione di un portfolio e di un racconto. È un segnale forte quello che vuol dare Kytori, che punta da un lato ad offrire ai propri lettori proposte culturali, visuali e di contenuto, dall’altro a valorizzare e sostenere la creatività italiana, andando ad attingere a quel patrimonio di giovani talenti, valore assoluto per il Belpaese.

Sul primo numero, dedicato al noir, questo indirizzo intellettuale è espresso con forza: infatti su metà della tiratura sarà allegata un’antologia di racconti degli studenti di “Bottega Finzioni", dal titolo “Storie Maledette, brividi d’estate”. La cover story è curata da Gian Paolo Barbieri. Da 40 anni uno dei nomi più importanti della fotografia italiana, ha contribuito a creare l’immagine di una moda seducente e femminile, lavorando a stretto contatto con gli stilisti più influenti e le testate più prestigiose fotografando miti del calibro di Audrey Hepburn. Due modelle bellissime, un’ispirazione che pesca nei torbidi anni ‘40 de “Le Diabolique”, fotogrammi di un set cinematografico, naturalmente noir, intonato con il focus di questa prima uscita. Torna inoltre una rubrica di particolare importanza, quella delle interviste ai personaggi celebri, divenuta famosa per il loro livello di approfondimento: nel primo numero, questo spazio sarà dedicato a Vincent Vaughn, attualmente sotto i riflettori per essere il protagonista, insieme a Colin Farrell, della seconda stagione della serie cult “True Detective”.

Nella rubrica "Potere e tacchi a spillo", ci sarà poi un articolo su Maria Elena Boschi, deputata Pd e ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento Infine, la Playmate del mese: Kaylia Cassandra, impressa sulla carta del numero americano di giugno e che ora arriva in edicola anche in Italia nel più famoso paginone centrale del mondo.

Commenti
Ritratto di BenFrank

BenFrank

Ven, 17/07/2015 - 13:19

N U D A ?

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Ven, 17/07/2015 - 14:29

Beh, è una bella passera e un servizio su playboy lo merita anche lei. Del resto lo hanno fatto anche ad altre come Alba Pirletti.

Imbry

Ven, 17/07/2015 - 15:08

Ragazzi, la Boschi è tanta roba!!!!!

Massimo Bocci

Ven, 17/07/2015 - 15:37

Finalmente, qualcosa che può fare stando........MUTA!!!

uggla2011

Ven, 17/07/2015 - 15:57

Massimo Bocci:certo,muta ma non a bocca chiusa.....ahahah!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 17/07/2015 - 16:12

La Velina Boschi comincia a pensare già al suo prossimo lavoro!

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 17/07/2015 - 16:29

Bella e di sinistra: il massimo della perversione sessuale.

Maver

Ven, 17/07/2015 - 16:40

Evidentemente hanno trovato una Boschi consenziente. Siamo di fronte ad uno dei tanti casi di contorcimento morale tipico della sinistra radical chic per cui: la lotta per la valorizzazione della donna come persona (non più oggetto) e l'emancipazione dei costumi femminili (che ha nello storico: io sono mia e mi gestisco come mi pare, il suo assunto ), non si contraddicono vicendevolmente. Ipocrisia mascherata: se il sesso è potere la donna ha diritto di esercitarlo nel proprio interesse, senza remora alcuna. Il bello è che poi rimproverano Berlusconi che ne è vittima. Altra ipocrisia.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 17/07/2015 - 16:52

Ma come????? la madonna su Playboy?????

Boxster65

Ven, 17/07/2015 - 16:52

Se sul primo numero c'è la ministra nuda, lo compro!!

RobertRolla

Ven, 17/07/2015 - 17:17

Centerfolder. Prima lo Boschi. Seconda: la Moretti. Terza: la Pia Madia.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 17/07/2015 - 17:17

Non può fare che quello.......

claudio faleri

Ven, 17/07/2015 - 17:18

si è vero la boschi e una signora tr............a, stuzzicante e magari anche vogliosa

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Ven, 17/07/2015 - 18:15

anvedi quanti segaioli su questo giornale...

FRANZJOSEFF

Sab, 18/07/2015 - 07:36

VI IMMAGINATE SE QUESTA ERA NEL GOVERNO BERLUSCONI O DI ALTRO DI DESTRA QUELLO CHE SUCCEDEVA?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 18/07/2015 - 11:57

Dreamer_66, i commenti potrebbero essere interpretati anche come degli sberleffi in direzione di un ministro che appare su una pubblicazione come Playboy non certamente per le sue capacità e competenze di natura politica; d'altra parte l'assenza di queste ultime è stato anche il criterio di scelta per assegnarle il ruolo che ricopre, di pura facciata.