Quando il cardinal Borromeo volle convertire i musulmani

Prima edizione di un’operetta del Cardinale scritta nel 1630 per far conoscere il cristianesimo agli «infedeli»

Pubblichiamo, per gentile concessione dell’editore Àncora, uno stralcio di Luce mattutina, l’opera del cardinale Federico Borromeo composta tra il 1627 e il 1630 sotto forma di dialogo tra un musulmano e il re cristiano Sapore sulla vera fede (il manoscritto, edito per la prima volta, è conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano). Nel brano che qui anticipiamo - nella versione in lingua corrente - il musulmano obbietta che l’Incarnazione rappresenterebbe un’offesa alla maestà divina.