Scoperti un van Gogh nuovo e uno falso

Un nuovo van Gogh e uno vecchio (ma falso). A Boston, un esame ai raggi X ha rivelato la presenza di una seconda opera sotto la tela Ravijn (Paesaggio con burrone), conservata al «Museo di Belle Arti». Van Gogh dipinse la tela nel giugno del 1889, quando era internato nel manicomio di Saint Remy, in Provenza, per poi ricoprirla con il dipinto oggi visibile, cioè Ravijn. Ma non livellò la pittura precedente, e infatti nel quadro soprastante si intravedono ancora le pennellate della composizione originale. Secondo gli studiosi il quadro nascosto è molto simile a Vegetazione selvaggia, conservata nel museo di Amsterdam. Quanto al vecchio ma falso van Gogh, in Australia, dopo un anno di studi, si è giunti alla conclusione che la Testa di uomo esposta per 67 anni al museo «Victoria» di Melbourne è opera di un contemporaneo non meglio identificato. Il quadro era stato venduto al museo nel 1939 da Keith Murdoch, padre del magnate dei media Rupert Murdoch.