lo spilloPompei: attenzione caduta ministri

Contrordine compagni. Se a Pompei viene giù un affresco, il ministro dei Beni culturali c'entra nulla. Sono ormai passati i tempi in cui Sandro Bondi, solo per caso di centrodestra, fu costretto alle dimissioni dalla caduta di un muretto. Ad annunciare la novità è... il ministro dei Beni culturali Massimo Bray, solo per caso di centrosinistra. Ecco la dichiarazione che riproduciamo per intero, sintassi in caduta libera inclusa: «Voglio vedere se domani cade qualcosa a Pompei se qualcuno ha il coraggio di dirmi qualcosa». Tranquillo Bray, vedrai che non ce l'hanno.

Commenti

vidico

Mer, 26/06/2013 - 09:34

La responsabilità è di tutti. Se non c'è consapevolezza non c'è interesse vero a salvaguardare pompei ed i beni culturali in generale. E non è certo consapevolezza definire il crollo di una imponente struttura come la caduta di un "muretto". http://pompeinascosta.wordpress.com