Un tango sensuale ballato senza sfiorarsi

L’amore e il sesso al tempo degli sms, il desiderio al tempo dei dialoghi da fumetto e del disegno da graphic novel. C’è tutto questo in Tango elettrico (Borelli, pagg. 191, euro 13) di Tjuna Notarbartolo, ma non solo. Tango elettrico è un romanzo sull’impalpabilità del desiderio, sul fatto che la sensualità prima di essere carne è idea, suggestione, quasi un impossibile rimpianto di quello che non si conosce ancora. Così, nelle pagine, June e Fabrizio si sfiorano ma non si toccano, si inseguono, consci che l’inseguimento vale più della cattura, che il corpo sognato è più reale del corpo toccato. Il risultato è una narrazione intrigante, elegante e mai greve, tanto da vincere «La dolcetta d’oro». Il premio più ambito per la letteratura erotica «in rosa».