Da Tienanmen in poi è tutta un’altra Cina

Sempre più potente e sempre più un enigma per buona parte del mondo occidentale. Nell’ottimo saggio Vivere le riforme. La Cina dal 1989 (Edt, pagg. 192, euro 18, trad. Corrado Ferri), Timothy Cheek, sinologo di fama internazionale, delinea la storia contemporanea di un Paese in esplosivo sviluppo, mostrando le persistenti eredità del maoismo non solo nel pensiero dei suoi attuali leader politici, ma anche nella vita quotidiana della popolazione. Partendo dai fatti di piazza Tiananmen del 1989, l’autore tratteggia le vicende delle ambiziose riforme economiche intraprese nel corso degli anni Ottanta e dimostra le loro ripercussioni sul presente, dal punto di vista politico, sociale e umano.