Toh, La Capria stronca i festival E ora chi oserà stroncare La Capria?

Occorre arrivare a novant'anni e chiamarsi Raffaele La Capria per poter dire certe cose senza essere impalati sulla pubblica piazza. Anzi: per essere addirittura ascoltati con timore reverenziale. È il privilegio del quarto livello della nota gerarchia intellettuale (dopo «brillante promessa», «solito stronzo», «venerato maestro»), quella cioè degli «antipatici intoccabili». Da antipatico intoccabile - ristrettissima élite cui appartiene insieme ad Alberto Arbasino e Pietro Citati - Raffaele La Capria ieri sul Corriere della sera ha sparato la più violenta bordata a memoria di elzeviro contro la febbre da festival culturale che da anni ammorba l'Italia. Una moda-mania devastante che, nell'ordine: genera noia, non distingue tra eventi (e libri) «buoni» e «cattivi», si basa su un pericoloso equivoco che equipara gli scrittori bestseller tanto amati dal pubblico («certe signore di mezza età che occupano il 70%dei posti») agli autori davvero importanti, e che gratifica la vanità di chi parla e di chi ascolta. «Festival e incontri - per dirla con la titolazione del pezzo di La Capria - dietro i quali si avverte una grande vuoto». Ossia: «Come svalutare la cultura mentre la si esalta».
Per chi - come molte volte ha fatto questo Giornale - ha manifestato in passato pesanti dubbi sul tanto sbandierato e altrettanto presunto «arricchimento culturale» prodotto dai vari festival (dall'intoccabile «modello» Mantova all'ultima kermesse pop-filosofica), il j'accuse di La Capria non può che suonare benvenuto. Vedremo, ora, davanti a tanta autorevolezza, chi e come tenterà la scontata difesa d'ufficio dell'industria culturale festivaliera, secondo il noto e penoso alibi: «Meglio andare a sentire uno scrittore che stare a casa a guardare la tv» (ma perché mai se chi parla è peggio, ad esempio, di una buona serie televisiva?).
Tanto più che La Capria, nel suo feroce pezzo contro «Riti, funzioni e finzioni delle kermesse estive» mette a nudo un altro nervo scoperto del carrozzone culturale italiano: il fatto cioè che gli autori invitati a parlare non siano mai pagati (a parte il viaggio e l'ospitalità). Quando c'è, e non c'è quasi mai, si tratta di un generico, e vergognosamente basso, gettone di presenza. Chissà perché, si domanda La Capria (che speriamo, peraltro, sia invece adeguatamente ricompensato per la sua partecipazione odierna alla rassegna «Positano 2012 Mare, Sole e Cultura») «se si chiede una prestazione di qualsiasi tipo, anche a una prostituta, si pattuisce un compenso. Quando invece viene invitato uno scrittore si sorvola...»... Forse, verrebbe da rispondere, perché gli scrittori sono peggio delle puttane?

Commenti
Ritratto di enzo33

enzo33

Ven, 27/07/2012 - 11:32

A proposito di cultura,il field maresciallo tedesco Kesserling, diceva:Quando sento la parola cultura, la mano mi corre alla fondina. Gli italiani in generale non leggono, men che meno i napoletani, concepiscono solamente una cosa, o pallon!!! Il mio editore, napoletano (storica libreria napoletana)senza nemmeno visionare da lontano il mio ultimo lavoro letterario, mi ha detto che non è proprio il momento di pubblicare, e che se proprio mi andava di farlo, avrei potuto farlo a spese mie. eppure si tratta di un giallo di nuova concezione, che a me sembra molto intrigante, ma sono il meno indicato per parlarne. Il racconto è intitolato:"Assassini brava gente" ed è ovviamente in cerca di editore.Le invio solamente il giudizio di una mia cara anziana maestra che ci ha lasciati da pochi giorni. "Ad un amico estroso e originale" "Sono stata colpita e commossa dalla lettura di questo libro. E' un testo singolare tra realtà e sogno, capace di creare un'atmosfera evocativa di ricordi, sensazioni, stati d'animo e figure. Assidua è l'indagine morale e sociale che traspare tra le righe attraverso un linguaggio carico di immagini e arricchito da citazioni e riferimenti filosofici che rivelano la cultura e la sensibilità dell'autore. Ma il filo conduttore di tutta la narrazione è un ricordo particolare che, seppur doloroso, con la sua levità consola il cuore e fa volare alto". Con tanta stima la tua vecchia maestra Rosalba che ti vuole ancora bene. Un caro saluto da:enzo33